INTERVENTO DI FRANCA RAME IN AULA SULLE COMUNICAZIONI DEL MINISTRO D'ALEMA E DICHIARAZIONE DI VOTO

Onorevole Ministro, Presidente, Onorevoli colleghi, Il Ministro D’Alema ci ha rassicurati sullo spirito e le intenzioni della missione italiana in Afghanistan. E sono certamente disposta a credere che si stia cercando di fare qualcosa di buono ma non credo che questi tentativi stiano sortendo risultati sufficienti. Innanzi tutto la missione di pace in Afghanistan ha cambiato la sua natura per chiara e palese dichiarazione del presidente degli Stati Uniti d’America, che ha chiesto ai partecipanti alla missione più truppe per affrontare la disastrosa situazione militare. Il nostro Paese è in guerra. Nessuno lo può negare, a mio avviso non ci sono speranze di riportare la pace in Afghanistan seguendo i metodi utilizzati fin’ora. In quel Paese sono state commesse ogni sorta di atrocità. Innumerevoli di massacri di civili, ammessi dal comando della missione “di pace” e giustificati come errori. Per non parlare dell’uso di armi all’ uranio impoverito e migliaia di prostitute che si vendono agli stranieri per sfamare i figli... mangiare insomma. vogliamo dare alla nostra missione un vero senso di pace? Restare, senza muovere un dito di fronte ai crimini contro l’umanità che vengono compiuti in Afghanistan sarebbe soltanto essere complici. INVERTIAMO LA ROTTA! Rovesciamo i termini economici della nostra partecipazione? Oggi spendiamo 300 milioni di euro per le ARMI E I SOLDATI e 30 milioni di euro PER GLI AIUTI UMANITARI. Rovesciamo il rapporto e instauriamo anche criteri certi di verifica sui risultati ottenuti con i soldi spesi. Credo che questo potrebbe essere un terreno favorevole sul quale spostare la discussione tra le varie anime del governo trovando la possibilità di una mediazione. Altrimenti c’è il rischio che questa guerra passi alla storia come un grande crimine contro l’umanità. Dichiarazione di voto Ottima replica. La relazione del ministro mi trova d’accordo al 90%. Rimane il nodo dell'Afghanistan al quale la mia coscienza vorrebbe rispondere con un NO. Ma IN SENATO non ci sono i numeri CERTI, avendo cambiato posizione politica un senatore di centro sinistra, col mio NO rischiamo di andare sotto, rischiamo una crisi di governo, che potrebbe portare alla caduta di Prodi e al ritorno della destra. Come posso prendermi questa responsabilità? Non ci sto e VOTO SI', certa che i miei elettori condivideranno questa mia scelta.

Commenti

Cara Franca, ti esprimo tutto il mio appoggio e approvazione per la posizione che hai tenuto questa mattina in Senato.
Ti sono vicina. Un abbraccio,francesca

Anche io sono con te! Un abbraccio

If you want to sing out sing out

Sono obiettore di coscienza, decisamente antimilitarista, e voglio darti il mio sostegno, Franca. Certe volte occorre scegliere il male minore.
Certo la situazione è un po' ingarbugliata, posso in un certo senso capire i due comunisti che non hanno voluto sostenere il governo per motivi etici, e nello stesso tempo li vedo come due ragazzini irresponsabili.
Certo non ci si poteva aspettare nulla di buono da Andreotti, Cossiga e Pininfarina. Conoscendo i numeri al Senato... forse sono proprio i due ragazzini che avrebbero dovuto dire "sì".

Anche io sono con te! Un abbraccio

If you want to sing out sing out

Grazie Franca per il tuo alto senso di responsabilità. Credo che in Parlamento dovrebbero stare le migliori persone d'Italia, per ora ci sei solo tu. Ma non sentirti sola, noi ti siamo vicino.

e' certamente una scelta lacerante dover votare una cosa ingiusta e dolorosa in nome di una necessità superiore; chi ha provato, lo sa. Non ci si dorme la notte, ci si tormenta. Ma e' necessario; hai fatto l'unica scelta possibile, ed infatti chi si e' mascherato dietro l'astensione ha provocato il disastro. sono fortemente con te. Hai fatto la cosa giusta, non tormentarti.
sempre spero

cara Franca oggi ho seguito tutte le dichiarazioni alcune condivise altre meno altre assulutamente no ...ma quando ho sentito che pur non condividendo le linee avresti votato a favore del governo ...bè ...ho tirato un sospiro di solievo... ero tranquilla che non sarebbe successo niente ....e poi ...... e adesso....so benissimo che per te è stato difficile ma ti ringrazio per la serietà con cui affronti il tuo dovere istituzionale.....siamo con te un bacio

neurogatto

Cara senatrice, ho sottoscritto e diffuso l’appello che lei ha inserito nel suo sito e quando l’ho vista con noi a Vicenza per manifestare il dissenso contro la costruzione della nuova base americana in cuor mio ho sperato che lei votasse contro il finanziamento della missione italiana in Afghanistan.
Voglio dire: c’è qualcosa di peggio di un governo di destra, ed è un governo di sinistra che tradisce i suoi elettori.
Giuseppe Fera
insegnante

e con tutti coloro che, dopo Vicenza, si son sentiti trattare da poveri imbecilli, tanto per onorare gli impegni del governo precedente. Prodi, ci hai deluso. Fine.
draculia
www.draculia.ilcannocchiale.it

Gentile signor Giuseppe, lei si sbaglia, il voto di oggi non era per il rifinanziamento della missione di"PACE" in Afghanistan, ma sulla politica estera del governo. Che poi non ho proprio capito perché si sia votato. Ho saputo che questa è una bizzarra legge del senato. D'Alema non è venuto a chiedere nulla, ha solo raccontato il suo operato durante questi mesi. E’ come se io raccontassi la storia della mia vita e alla fine chiedessi un voto. voto sì, voto no. su che? Sono stat brava? Cattiva? Bah.
Lei mi scrive: "c’è qualcosa di peggio di un governo di destra, ed è un governo di sinistra che tradisce i suoi elettori."
Non è piacevole sentirsi sempre sotto processo e prendersi della vacca asina, o peggio della traditrice. fa un brutto effetto... PER SUA INFORMAZIONE I VOTI CHE HANNO FATTO VENIRE MAL DI VENTRE ALL'UNIONE, SONO STATI QUELLI DEI GRANDI VECCHI, COSSIGA, ANDREOTTI, E PIMINFARINA.
Ora comunque, con quanto è successo oggi, capace che ritorni Berlusconi. Lì, in quel partito non ci sarà nessuno che la tradirà.

Comunque, sia gentile, perda i tre minuti che avevo a disposizione per il mio intervento e il minuto per la dichiarazione di voto... magari la possono interessare. Ho fatto proposte concrete e di PACE. Cambiare rotta!

SONO UN PO' STANCA. COME FAI SBAGLI. SPERO DI POTER TORNARE PRESTO A CASA MIA, RIPRENDERE IL MIO LAVORO. MI AFFATICO DI MENO E SOPRATTUTTO SONO RISPETTATA.
La saluto. Mi creda, senza rancore. SONO GROSSA DI SPALLE.
franca rame

Cara Senatrice,

Il suo si non doveva essere dato per non far cadere il governo Prodi, ma per non far tornare Berlusconi al potere, non crede? Sono così sicuri quelli che sostengono che un governo come quello che abbiamo avuto è peggio dei 5 anni precedenti? Purtroppo stiamo per scoprirlo.

Domandarsi: "A chi giova?" è spesso utile per comprendere.
Questo conflitto interno al governo va a beneficio della destra.
Traiamone le dovute conseguenze.
Franca ha dimostrato anche in questa occasione senso di responsabilità e onestà intellettuale, anche se non è bastato per sconfiggere il protagonismo e gli interessi particolari di qualcuno.

Ancora grazie a Franca per avere, con coraggio, fatto la cosa giusta.

Cara carissima amica, questa sera sono davvero preoccupata,arrabbiata,ho voglia di piangere. Il tuo sacrificio non è servito a nulla ed ora rischiamo...e rischiamo parecchio. Se solo questo governo nei dieci mesi in cui è stato in carica avesse dato almeno un forte segnale di rispetto degli ideali, delle speranze, della fiducia che aveva ricevuto con il mandato dagli elettori,se avesse adempiuto ad almeno una delle grandi promesse che ci aveva fatto ( conflitto di interessi, legge elettorale, leggi ad personam da abrogare ecc),oggi non avrei tanta paura. Perchè se avessero almeno fatto una delle grandi cose promesse di fronte all'evento di oggi ci sarebbe stato un popolo pronto fiero e orgoglioso di rivotare nuovamente. E questa volta non ci sarebbero stati dubbi di brogli, perchè il sistema informatico di conta dei voti, non sarebbe stato un programmino tanto efficace negli stati uniti. Invece, cara maravigliosa amica, il governo Prodi è crollato e il suo lavoro, tra INDULTO, COMMA FUDA, DAL MOLIN AFGANISTAN Ecc e stato vergognoso. Se tornassimo domani al voto quanti , quanti, quanti non andranno a votare per urlare con il loro assenteismo dalle urne la loro rabbia. Mai urlo sarà più vano! Sei stata coraggiosa ad affrontare il peso di un voto contro coscienza, coraggiosa e forte perchè ora dovrai sopportare il peso di quanti ti accuseranno di incoerenza. Io non sono tra questi perchè mi fido semplicemente di te e del tuo giudizio. AVEVO VOTATO IDV PER QUESTO E NON HO CAMBIATO IDEA. Franca sono una stupida idealista ma in un mondo miliore tu saresti capo del governo e i miei figli avrebbero una vita migliore da abitare domani. Grazie per il tuo sacrificio. E ti prego ti scongiuro che non ti salti in mente di mollare adesso! MI HAI CAPITO TI PREGO TIENI DURO!!!!

Mi raccomando tieni duro, ti siamo tutti vicini. Cerca di non mollare. Un abbraccio fortissimo!

If you want to sing out sing out

Franca ti siamo vicini, tieni duro.
Un abbraccio forte forte, francy

Grazie per il tuo senso di responsabilità: come ti ho già scritto ho seguito il tuo intervento in tv: cosa succede adesso? rivivo l'angoscia di quei giorni d'aprile dell'anno scorso, cosa capiterà al nostro Paese? Non posso credere che si torni indietro, che si ripiombi nel buio; in quest'ultimo decennio l'Italia si è trasformata in un posto dove si è in gamba se si frega il prossimo, e dove le parole etica, onestà e rispetto sono solo parole. Grazie ancora Franca, per essere come sei.

Senatrice Rame,

fa strano appellarti “senatrice” (e so che, come dicesti a Vicenza, fa strano a te sentirti chiamare così), ma oggi non mi sento di chiamarti semplicemente Franca come avrei fatto fino a qualche ora fa. Ti ho votata al Senato, trovando nella tua figura un riferimento che pensavo avrebbe portato dentro le aule quell’autonomia dalle logiche della realpolitik, dagli accordi di corridoio, dalle burocrazie di partito, in una parola l’indipendenza del nostro miglior teatro dal potere. In particolare, tenevo al fatto che sulla questione della pace e della guerra avresti avuto le posizioni nette che la storia ci ha insegnato essere assolutamente necessarie.
Oggi scopro con amarezza che proprio l’ingresso in quelle aule ha svuotato questa indipendenza; le mie aspettative sono state deluse, non solo hai votato l’aumento delle spese militari ma addirittura hai sostenuto la missione militare dell’esercito italiano in un Paese già martoriato da anni di bombardamenti. L’hai fatto per non fare cadere questo Governo, dici; agli afgani farebbe qualche differenza essere occupati militarmente da questo Governo? spiegaci poi perché dovremmo tenerci a denti stretti un Governo in sostanziale continuità con il precedente? Lo spauracchio berlusconi è bastato a farti scordare le promesse fatte dal palco a Vicenza… A Vicenza abbiamo detto no alla guerra, no al militarismo no alla militarizzazione; ciò che dobbiamo temere massimamente non è il signor berlusconi ma la politica bellica berluscoide, non si vede come la stessa politica fatta da volti diversi potrebbe farci stare meglio. Leggo che fai parte delle commissioni sull’uranio impoverito e sulle morti bianche; mi auguro che ricorderai la tua parte di responsabilità quando i soldati italiani si troveranno a morire laggiù, per entrambi i motivi.

Non perdere tempo a chiedere scusa per le parolacce; è più grave non essere riuscita a mantenere la tua indipendenza di valori rispetto ai bassi ricatti dei numeri delle aule, non aver saputo rappresentare quell’autonomia di giudizio e azione che la battaglia per la pace esige.

Pat

“In Afghanistan anni di guerra hanno distrutto qualunque cosa e quasi nulla è stato fatto né per la popolazione ridotta alla fame né per ricostruire il tessuto economico e sociale; migliaia di donne per mangiare sono costrette a prostituirsi, domandiamoci con chi; sul territorio abbiamo circa 20mila militari (…)
Se mi trovassi in Afghanistan non mi sentirei per niente tranquilla”
(F. Rame, 27/7/2006 intervento in Senato)

Ti capisco, anch'io ho tanta rebbia dentro. Oggi è una giornata triste per la pace, è una giornata triste per chi è stato a Vicenza. Ci eravamo illusi di essere tanti. 100mila, 200mila... ma oggi ci rendiamo conto che siamo una sparuta minoranza, non contiamo niente. E credo che Franca sia ancor più triste di noi. Ci siamo resi conto che non possiamo dire: "Basta! niente più guerre!" e tramutare queste parole in fatti. Oggi si sceglieva: Si continua con la guerra, magari provando a trasformarla in missione di pace, o facciamo continuare la guerra con un altro governo più guerrafondaio? Il dramma è che è stato scelta la seconda soluzione...
Il voto di Franca è stato piuttosto chiaro.

Credi davvero che, con la caduta del governo Prodi, gli Afgani avranno qualche giovamento? Ne moriranno meno?

Davvero credi che riaprire la strada a Berlusconi sia il modo di affermare la propria indipendenza di valori?

Davvero credi che la pace ora avrà un impulso favorevole?

Caro P, temo che la tua visione sia corta come il tuo nik.

...da sempre La seguo e La stimo per l'impegno, la coerenza e la passione che contraddistinguono la Sua vita.
Lei è ed è sempre stata trasparente. Mi permetto di palesare il mio pensiero con la stessa onestà che Lei ha mostrato ai suoi elettori ed estimatori.
Non mi spiace che sia caduto Prodi: per Vicenza si è comportato con superficiale sufficienza; per i Dico è stato troppo attento alle richieste del clero; per l'indulto non sono state pensate strutture per i " poveri diavoli" che, terminate le risorse (esigue) del Kit, si son ritrovati come prima, al contrario dei vari Previti.
Per me la Sinistra deve tornare ad essere tale, senza temere di vedere il colore rosso sul proprio simbolo ( e non parliamo della falce e martello!).
Detto questo: capisco perfettamente il suo comportamento: ora si procederà alla stigmatizzazione dei due senatori comunisti che han votato contro la politica estera del governo ; con Lei, ne sono certa, si sarebbero accaniti dieci volte tanto.I due saranno presi come capri espiatori e si dimenticheranno e le affermazioni di Prodi su Vicenza,nonchè il grand bailamme sollevato da Amato sul pericolo di atti violenti durante la manifestazione.
Prodi ha cercato, in un certo senso, la caduta. No. Non mi dispiace. La sua politica non si è discostata di un centimetro da quella del suo predecessore. Forse, in questo modo, il popolo della pace, degli onesti che son stufi degli sprechi e dei soprusi ha fatto sentire, davvero, la propria voce.
Non ceda, per favore.
Con immensa stima e affetto
draculia ( Cristina)
www.draculia.ilcannocchiale.it

Cara Cristina, leggendo il suo intervento, pur riconoscendo che ha una sua coerenza, ho l'impressione che lei non tenga conto del problema nella sua totalità.
Capisco che non le dispiaccia avere assistito alla caduta di Prodi, ma spero che non le piacerà assistere a una riedizione di Berlusconi.
Il panorama politico non sembra offrire grandi alternative.
Magari mi sbaglio.
Lei che altre prospettive vede?

Uh. Caro gargantua, non posso che parlare per me, ma ti risponderò cercando di essere il più esaustiva possibile.
1. Un governo diverso dal precedente non deve prendere alla leggera una manifestazione come quella di Vicenza; deve essere autonomo e forte delle proprie convinzioni, per cui, deve rifiutare l'allargamento ( si legga costruzione ex novo ) della base americana a Vicenza;
2. ritirare le proprie truppe OVUNQUE: si è fatta passare una questione economica ( approviggionamento di risorse energetiche) come umanitaria
3. Invio di aiuti umanitari finanziando Emergency ( esempio)
4. Politica sciolta da ogni richiesta del clero: io sono atea, ma non credo che il vero credente, coerente, si possa rispecchiare nelle direttive di Ratzinger
5.Evitare di ricorrere a mezzi da strategia della tensione, allarmando la popolazione per scoraggiarla a manifestare il proprio dissenso
6. Mostrare un po' d'autonomia, senza temere d'incorrere nelle critiche stile anti-Zapatero

questo per cominciare...
Non è nulla d'impossibile, mi pare; se ciò appare tale, è perché han fatto in modo di farlo sembrare utopico ed "irrazionale".

Concordo in pieno con tutte le sue proposte.
Le mie perplessità riguardano le alternative realisticamente possibili.
Lei quali vede?
Chi pensa che potrebbe guidare il nuovo governo?

Franca Rame, Pecoraro Scanio, Ferrero, Rosy Bindi...così di getto, per la loro coerenza e la loro estraneità ai giochi di potere; Mi vengono in mente giornalisti(Giorgio Bocca), scrittori ( Umberto Eco), poeti (Sanguineti), che se in politica darebbero una svolta reale alla situazione attuale. Adesso cosa farei? Fuori Mastella, D'Alema, Fassino,Rutelli e TUTTI coloro che son lì da almeno 20 anni,e nel caso si ripresentassero, i nuovi capi dei partiti dovrebbero evitare di ricandidarli. Repulisti dall'interno. E voce alle nuove leve delle formazioni politiche.
Ora un governo di tecnici/ intellettuali.Non imprenditori prestati alla politica. Gente onesta e fattuale, semplicemente. Non credo sia tanto difficile dedicare un Ministero della sanità ad un medico di cmprovata esperienza, delle infrastrutture ai versi, dell'interno ad un pacifista, dell'istruzione ad un intellettuale. E via, per favore,l'orribile ministero dello sport...basta che funzioni quello della sanità!
A presto
draculia
www.draculia.ilcannocchiale.it

Eh ma che grandi alternative!! Come mai non hai proposto uno che possa fare il ministro degli esteri? Tutti ministri della cultura! E che vuoi fare un paese di intellettuali! Di festival della poesia e della letteratura? Ma brava! Forse perchè non hai un nome che possa essere equiparato a D'Alema, che c'ha messo in prima fila nel processo di pace in Libano, si è posto in posizione equidistante tra israealiani e palestinesi, proprio ciò che dovrebbe fare un ministro europeo per contrastare gli stati uniti, ci ha ritirato dall'iraq ha avviato una serie di contatti multilaterali di alto profilo (missioni cina india) ha inviato prodi unico europeo alla conferenza dei paesi africani? MA COSA VUOI MA COSA VUOI in meno di un anno? COSA VUOI dove credi di vivere è inutile che citi Zapatero non siamo in Spagna, e la politica non è un blog, la politica è un'altra cosa, è meno facile che scrivere le proprie cose sul proprio blog dove ci vengono gli amici e non i nemici? Hai capito? Ti meriti altri vent'anni di Berlusconi, e Borghezio agli Esteri. Poi mi spieghi due cose. VERGOGNA! (E rispetto a Franca per il senso di responsabilità che le ha impedito di votare contro questo Governo)

ho sempre pensato che Dalema fosse una meretrice di Babilonia, tuttavia penso anche che in questi 10 mesi non stesse facendo un brutto lavoro. Anzi. Ma questo mi fa pensare ancora più cupamente che si volesse par crollare questo governo. Perchè? Non lo so ma presto credo lo scopriremo.
Riguardo a draculia non ha detto cose sbagliate, ma utopiche. quel genere di cose che per avverarsi richiederebbero la presenza di troppe brave persone a Roma . Il che è appunto UTOPICO. Roma è la Novella Versailles.
Comunque se dovessi sperare.... Di Pietro grazia e giustizia, Pegoraro all'ambiente, Rame ministro dell'interno, Fo all'istruzione (come tecnico) E MAGARI Grillo al ministero degli esteri che te ne pare?

Cerchiamo di non cadere preda di facili isterismi , Fabrizio Cra; evidentemente a te D'Alema piace: a me no. CHi c'è che possa sostituirlo come ministro degli esteri? Nessuno, perché a mio avviso non è una classe politica, ma di abili giocolieri; non a caso ho parlato di un governo di tecnici, cosa, mi pare, non nuova all'Italia.
Ora l'asse si sposterà al centro? Vuol dire che essere "troppo" di sinistra crea problemi ad un governo che avrebbe dovuto rappresentarla.
L'utopia è altra cosa dal pretendere gente leale e concreta in Parlamento e mai mi sognerei di criticare Franca Rame. Ne sa qualcosa Dario Fo di progetti estremamente fattibili considerati utopia, quando la cosiddetta sinistra gli ha preferito Ferrante. Non vivo affatto in un altro mondo,semplicemente ne auspico un altro, senza essere moderata.Borghezio puoi tenertelo; la gente come lui, per conto mio, sarebbe già in Siberia!!
draculia
www.draculia.ilcannocchiale.it

Un caro saluto , sperando che al dispiacere subentri un po' di speranza.Non facciamoci spaventare dai timori di chi sa fare solo il politicante; per fare politica son necessari passione, competenza e coraggio.Gli stessi elementi che son richiesti ad ognuno di noi nel proprio lavoro. Politica è amministrazione di soldi pubblici per il bene pubblico. Non affari. Non credo sia tanto difficile sostituire Mastella alla giustizia...."resistere, resistere, resistere"..a me è restato impresso, grande Borrelli....
Buona notte a tutti
draculia
www.draculia.ilcannocchiale.it

E' un po' fuori luogo che da me ci si aspetti un atteggiamento di " piacere" nella riedizione di Berlusconi...il fatto è che non ne tollero neppure le "brutte copie" spacciate per edizioni differenti...
draculia
www.draculia.ilcannocchiale.it

Cara Cristina,
lei mi sembra una delle persone "normali" di cui spero si riempia il parlamento. Ma prima bisogna ritornare a riempire i partiti, per ovvia procedura di sistema democratico...
... fallito, ma finchè non vedo altri sistemi... forse Massimo Fini in Sudditi (il libro è da leggere almeno per curiosità - oppure altri che parlano di evoluzione della democrazia in democrazia diretta - dove si vota molto di più e su tutto) ecco... dicevo... il sistema, schifoso o no, attualmente propone una bruttissima minestra riscaldata. Inutile nasconderlo come fanno loro.
Se la gente sta male, protesta. E io protesto.
Mica sono chi, io? Invisibile?

Fare Politica intesa come l'intende il nostro dizionario italiano è un lusso. Politica: attività di governo. Ma dove? Molto indicativo, le pare? Come se fosse un diritto acquisito di chi governa and stop.
E i doveri? Esenti.

La vera attività politica la facciamo ogni giorno, noi, con il nostro comportamento a casa, nel lavoro, nelle piazze.
Con le nostre attività umane. Con il nostro comportamento personale.
Quando ho visto Franca intervenire e candidarsi, io mi sono seriamente preoccupato, per lei. E per noi tutti.
Se si presenteva vuol dire che non andavano bene le cose. No.
Ci sono persone che si presentano con il loro curriculum, con quello che hanno fatto e fanno. Non hanno bisogno di farsi raccomandare da un capo, di salamecchi, furberie, ecc. ecc.
Probabilmente se ci fosse democrazia interna ai partiti sarebbero elette da noi stessi a nostri rappresentanti.
E loro magari sbagliano. Ma ci provano. Hanno un coraggio da Leone.
Altri invece si nascondono, fino all'ultimo minuto, prima di votare, e poi tradiscono. Come sempre hanno fatto. Protetti dai veri poteri.
Oggi si rischia come non mai l'equazione Stato = Mafia. Questa è la realtà bruciante che mette a tacere tutte le opinioni inutili.
In questo contesto, con gente condannata che continua non solo a restare in parlamento ma a godere di privilegi, io non me la sento di criticare chi si assume una responsabilità. Anche solo lo credesse.
Volevo solo dirle, cara Cristina, che ammiro il suo modo di porsi e la sua semplicità nell'esporre le sue idee. C'è bisogno di questo fra di noi.
Di rispetto, riflessione, coraggio, affetto, partecipazione.
Perchè partecipando ci si libera. Da tanti pregiudizi.
Un respiro profondo e vai.
Con affetto.

Marco Girotto

...per tutto ciò che Lei ha scritto, caro Girotto, auspico una maggiore coerenza, coraggio e, soprattutto, fattualità. Ammiro e stimo da sempre Franca Rame e come ho già detto comprendo perfettamente la Sua scelta, argomentata dal discorso pubblicato sul blog.
Ciò non toglie che ( e lo dico da comunista delusa e schifata dall'attuale poltiglia a cui è stata ridotta la politica) uno schiaffo, per Prodi, era più che mai necessario. Uno schiaffo che nasce proprio dalle aspettative deluse; è bastata la risposta sulla base americana.
Si...sono schietta e non rigetto gli ideali in cui credo. Per questo ho sempre seguito Franca Rame e Dario Fo. Insegnano a guardare in alto, quando tutti cercano di far abbassare lo sguardo.
A presto
draculia
www.draculia.ilcannocchiale.it

Forse apparirà strano, ma non credo sia il momento di abbattersi per quel che è successo oggi.
Non credo che paventando il ritorno di Berlusconi si possa cambiare la situazione di stallo della politica italiana. Occorreva qualcosa di più forte.Come quanto è accaduto stasera. Berlusconi non è più forte di Prodi in Parlamento, che è diviso in due, proprio come questo Paese.Lo schiaffo è arrivato a Prodi, ma per Berlusconi c'è il disprezzo di mezza Italia.
La delusione verso questo governo non implica una critica verso di Lei. Anzi.
A presto
draculia
www.draculia.ilcannocchiale.it

La violenza sanguinaria, il Partito Armato, dicono che è reato. Le cosiddette vie democratiche: petizioni, e.mail... non portano da nessuna parte, vedi il caso del Costo delle Ricariche, ma allora che fare? semplice:ANNICHILIRLI con il NON-VOTO, con la restituzione dei certificati elettorali.SOLO COSI' POTRAI TENTARE DI RICONQUISTARE LA LIBERTA' CHE TI HANNO STRAPPATO CON LA PIU' BIECA DELLE VIOLENZE
_______________ www.ricostruire.it _________________
SOLO CON IL NON VOTO POTRAI FOTTERLI: ogni altra via è inutile. Così e solo così potrai mandarli a casa: tutti. Non se ne salva uno che fosse uno. Sono tutti attaccati ai loro stipendi e privilegi e per loro tu non conti un cazzo.

Senatrice, approfitto del suo senso dell'umorismo per sdrammatizzare, e girarle questo messaggio che ricevuto poco fa:

Maggioranza ballerina?
ADOTTA UN ROTONDI!
da tempo brama di unirsi a noi, e allora:
APRIAMO A FAVORE DI ROTONDI UN CONTO VINCOLATO ALLE ISOLE CAYMAN
(...ma va bene anche al Credito Valtellinese), riscuotibile solo ed esclusivamente
A FINE LEGISLATURA sotto la stretta condizione della sopravvivenza del governo Prodi)

INVIA SUBITO un sms del valore di 1 Euro per contribuire alla causa, al numero
666 666 666

SUPERIAMO IL TELETHON:

PARTECIPA ANCHE TU AL

RotondiThon!!!

TUTTI INSIEME POSSIAMO FARCELA!!!

Grazie Franca per il tuo senso di respondabilità. Peccato non sia servito a niente, grazie ai tuoi estrosi colleghi. Che vergogna! Adesso ci attendono altri 50 anni di destra. In bocca al lupo a tutti

Arrivo alle 8 di sera a casa e leggo un messaggio:

"Prodi scivola al senato"

Azz..si sarà fatto male? penso.
Apro skype e i 'cari'(sempre più numerosi) del blog mi informano.
Azz..ci son rimasto male io.

So che un Prodi-bis o un rimpasto dovrebbero sistemare per un po' le cose, ma non mi soddisfa.
Mi vien da dire con l'amaro in bocca che gli sta un po' bene, se non fosse che ciò ricade sulle nostre teste.

Mi spiace per le mie aspettative.
Mi spiace perchè si è sporcato l'entusiasmo che qualche minuscolo segnale mi aveva un po' stimolato.
Mi spiace perchè il 'sentimento' di Franca-senatrice l'ho condiviso per un anno e me lo son sentito anch'esso sporcare.
Mi spiace perchè tutto ciò che Draculia da qualche parte ha scritto negli ultimi commenti, ci credo(evo?) potesse avvenire e ora un po' di meno.
Mi spiace perchè anche se domani mi alzerò presto come al solito e cercherò di fare il mio dovere/volere come meglio posso, sono certo che per un attimo mi domanderò: ma ne vale la pena?
Mi spiace perchè alla fine non ci sono alternative o se ci sono sono false.
Mi spiace perchè qualcuno adesso ride soddisfatto.
Mi spiace perchè qualcuno si è messo a piangere per telefono.
Mi spiace come se mi fossi dimenticato di mettere la campana di vetro sul mio fiore sulla mia stella.

Stasera no, magari domani provo a piantare un altro seme..

www.maxbazzana.it
www.orchestrazione.it

mi vien da dire vorrei esser lì, farci una bevuta, una fumata no perchè hai smesso, fare congetture....ritrovare un ragionamento assieme, che serva da concime per quel seme che pianteremo domani. perchè anca mi sta sera me sento gran poco botanica.

Oggi pianterò un fico. Spero che troverà le condizioni giuste per svilupparsi e prosperare con l'aiuto delle mie cure.
Mi auguro che nel campo della politica da oggi si pianti un nuovo albero e che gli si dedichi la dovuta cura.
Affettuosamente

Ciao Max,
sappi che io credo ancora si possa cambiare davvero il sistema che attualmente regge il nostro Parlamento, ma non posso non notare che i punti su cui Prodi si sarebbe dovuto misurare col passato governo son stati solo motivo di delusione.Cos'è che chiedeva la "Sinistra radicale" ? Coerenza!
Per il resto, credo di aver già commentato sufficientemente in proposito...e non voglio certo passare per una troll!!
Ciao ed a presto
draculia
www.draculia.ilcannocchiale.it

Hai fatto la scelta giusta. Mi fa veramente male vedere che un politico, anche in prestito come te, deve temere di perdere voti nel non prendere decisioni dannose per il paese e per il pianeta.
Sono veramente stanco degli utopismi, delle partigianerie e campanilismi, delle persone attive ma manipolate perchè disinformate o male informate.

Agisci sempre con la mente per seguire la strada del tuo spirito!

non è paura di perdere voti. (quali voti?!) è timore, come è successo di far cadere il governo. ma com'è che ragionate?... o sono io a non capire?
che cosa intendi dire con "Sono veramente stanco degli utopismi, delle partigianerie e campanilismi, delle persone attive ma manipolate perchè disinformate o male informate" a chi ti riferisci? aspetto una spiegazione... giusto per capire.
grazie se vorrai darmela
franca rame

Cara Senatrice il suo voto di ieri mi ha deluso profondamente. La sua presenza appassionata a Vicenza mi aveva fatto ben sperare. Devo dirle la verità, sono abbastanza stufo di sentire agitare lo spauracchio del ritorno di Berlusconi. Mi pare che ciò serva a coprire la pochezza delle nostre scelte politiche. Così non si va da nessuna parte. Nel quotidiano cedere a questo ricatto i contenuti di ciò che si vota in parlamento diventano sempre più secondari mentre acqusisce importanza le lealtà di schieramento contro il nemico(non è questa una logica di guerra?). Mi preoccupa molto più la confusione e l'assenza di rappresentanza delle persone piuttosto che la caduta di un governo di cui non condivido più la politica. E' tanto folle e complicato?

Rimango sconcertato per l'utopismo fine a sè stesso (che ammetto ogni tanto pervade anche me) MA DAVVERO le cose CHE SONO SUCCESSE CON IL GOVERNO PRCEDENTE DOVREMMO INCIDERCELE NEI CUORI... Per ricordare qualche giorno fa avevo trovato su intenet un breve riepilogo che vi allego sotto perchè davvero ogni tanto ci dimentichiamo di qual'è l'altra faccia della medaglia... Voglio vedere sui diritti di omossessuali - lesbiche dei conviventi chi avrà di nuovo il coraggio di mettersi in gioco, mettersi contro il Vaticano, tentare qualche piccolo passo come si sta facendo...infine credo che se vi fosse stato il centro destra magari sabato avremmo manifestato non solo per Vicenza ma per L'IRAQ, per finanziamenti ben maggiori, per altri morti !!! Comunque per non dimenticare, ecco cosa succedeva con il governo Berlusconi:
a.. Abolizione tassa di successione:
b.. Legge sulle rogatorie internazionali
c.. Modifica dell'art. 18 per poter licenziare anche senza giusta causa la tutela del posto di lavoro: un diritto acquisito, il vessillo delle democrazie...
d.. Invenzione del famigerato "buco delle sinistre"
Il buco di Tremonti: un escamotage davvevo bvillante! Quale mezzo migliore per potersi giustificare di fronte alla montagna di promesse che, si sa, non verranno mantenute?
e.. Riforma delle Pensioni
f.. Rimozione delle scorte ad alcuni giudici scomodi: (no comment)
g.. Caso RAI: veto sulla vendita di RaiWay:
h.. Distruzione della Scuola Pubblica
Lo smantellamento della struttura pubblica (a favore delle
strutture catto-privat-elitarie)
i.. Centralino spia di Forza Italia
Novembre 2001: il deputato di Forza Italia Fabio Garagnani istituisce un numero verde e invita gli studenti di tutta Italia ad usarlo per denunciare gli insegnanti che esprimano giudizi negativi su Silvio Berlusconi o sull'operato del Governo da quest'ultimo presieduto
j.. Nuova legge sulla immigrazione che definire razzista sembra come minimo bizzarro.
k.. Pestaggio dei movimenti pacifisti al G8 di Genova compreso il successivo impegno (con uso massiccio di media) per assicurarsi che l'opinione pubblica avesse ravvisato nei movimenti no-global
una minaccia per gli equilibri nonchè un acerrimo nemico degli ordinamenti e delle Forze dell'Ordine.
n.. Sgravio fiscale per il rientro dall'estero dei capitali esportati illecitamente:(no comment)
p.. Dichiarazioni di superiorità occidentale
durante una conferenza stampa il Presidente del Consiglio Silvio
Berlusconi dichiara che la cultura occidentale è "superiore" rispetto a quella araba che a suo avviso è primitiva.
q.. Espulsione Ministro degli Esteri Renato Ruggiero
nonostante tutti i sondaggi lo diano come l' autorevole
dell'esecutivo e più gradito agli italiani» il 5 gennaio 2002 il Ministro Ruggiero viene invitato a lasciare l'incarico.
r.. Ennesimo scontro Roma-Bruxelles causa: interdizione all'ingresso dei magistrati italiani nell'organismo
europeo anticorruzione.
s.. Mandato di cattura UE i 32 reati previsti per far scattare il mandato di cattura UE trovano il consenso di tutti i partner europei tranne uno: l'Italia berlusconiana che inorridisce al solo pensiero di un mandato di cattura extra-nazionale per reati fiscali...
t.. Bavaglio a Don Ciotti e all'antimafia
i ministri Moratti e Maroni fanno pagare care le parole pronunciate da Don Ciotti «il governo dell'illegalità , del rientro dei capitali esportati illegalmente e delle leggi su falso in bilancio e rogatorie». La ministro Moratti ha espulso Libera (cartello di associazioni antimafia guidato da Don Ciotti) dalle scuole di ogni ordine e grado Il ministro Maroni ha invece cancellato la convenzione con il gruppo Abele per la banca dati online sulle tossicodipendenze.
u.. art. 71 finanziaria 2002 chi ha frodato lo stato costruendo abusivamente su terreni demaniali ora può acquistare il terreno e come ciliegina si trova automaticamente sanatol'abuso edilizio.
v.. Ecomafia
in molti avevamo esultato quando con il precedente governo di
centro-sinistra si era registrata una diminuzione del 14% di abusivismo edilizio. Ora con il centro-destra il ciclo virtuoso si è invertito: sono 28.276 gli edifici abusivi costruiti nel 2001
w.. assoluzione Radio Vaticana
tutti i casi di morte per leucemia, a Cesano, ora sono soltanto un brutto ricordo.
x.. XIII disposizione finale della costituzione
y.. Conflitto di interessi
una legge a dir poco inverosimile cucita su misura per una sola persona.
z.. misurazione dell'efficienza e del rendimento dei Magistrati
aa.. Depenalizzazione del falso in bilancio:

Quindi Franca appoggio pienamente il tuo operato, le tue idee... vediamo se si riesce a salvare la frittata !!! Resistere ora più che mai!!!
Matteo (Pinerolo)

Dopo lo shock di ieri e le reazioni d'impulso, ora è il momento delle analisi più meditate.
Come non capire la delusione e l'indignazione per il risultato di ieri?
Come non comprendere i commenti amareggiati di chi crede nei valori della pace e dell'equità sociale?
Mi iscrivo fra loro.
Tuttavia questo non deve impedire di vedere in modo realistico gli EFFETTI sortiti dai voti contrari di ieri e le PROSPETTIVE che aprono.
Gli EFFETTI sono davanti agli occhi di tutti: caduta di governo e indebolimento della sinisra a tutto vantaggio della destra.
Se consideriamo che sono mancati i voti di Andreotti (amico del Vaticano), di Pininfarina (uomo della confindustria) di COSSIGA (filo.USA) e di due rappresentanti velleitari di una sinistra radicale (che complessivamente non ha condiviso l'affossamento del governo), possiamo capire meglio cosa è accaduto ieri e ad uso di chi.
I risultati li vedremo.
Le PROSPETTIVE:
Se assisteremo a una ripresa di forza del berlusconismo dovremo convenire che far cadere Prodi è stato un atto di puro masochismo.
Se invece supereremo la crisi senza che l'organismo ne rimanga profondamente e irrimediabilmente minato, potremo proseguire il lento, lentissimo cammino verso il recupero dell'evasione fiscale, il risanamento del debito pubblico e una liberazione dalla sudditanza nei confronti di Bush.
Dubito che queste tre cose sarebbero possibili con un ritorno della destra.
Credo che dovremmo applicare un opportuno realismo in nome di un senso di responsabilità quanto mai necessario nei momenti difficili.
Sono sempre più convinto che Franca abbia agito da donna responsabile e coraggiosa.

Gargantua NON AVERE IL MINIMO DUBBIO, MAI ! ! !
La prima regola per qualsiasi obiettivo è l'ottimismo, Franca è stata bravissima (anche nel misurare ogni parola) ORA SERVE OTTIMISMO, LA NOSTRA FORZA SONO LE DONNE e proprio noi, caro gargantua, DOBBIAMO TRASMETTERE OTTIMISMO, OTTIMISMO, OTTIMISMO...

ENERGIA STAMINALE IN TUTTA L'ITALIA, il rito del piantare un seme, una pianta è molto bello.
Richiama la forza della vita, la forza del seme STAMINALE che si chiama GIOIA per la vita, felicità, pace staminale, energia positiva.
Ulivi, fichi, vigne e ogni seme staminale come rito positivo per esser più forti ogni giorno ! ! !

Come dire: "filogovernativi al Senato ed estremisti in piazza".
Il solito piedino in due staffe della Senatora.
Tanto casino col "Ripensaci Prodi", tanto inutile entusiasmo instillato nelle povere menti degli Adoranti per poi, miseramente, votare tutto il contrario in Senato.
La Senatora ama coglionarci ed è convinta, con vacue chiacchiere, di giustificare il suo contradditorio operato parlamentare.
Pacifista si....ma in Senato prende ordini dal Tutor e dalla convenienza a restare in sella: "lo credo visti i lauti privilegi".
Ora gli scornati lancino, se vuole la Senatora, la campagna: "Ripensaci Prodi, non ti dimettere, dobbiamo maturare i privilegi".
E voi asini entusiasti.... forza, mandate email e sostenete le inutili ed ipocrite campagne della Senatora e amici vari. Anche se si risolvono immancabilmente in buchi nell'acqua.
Ripensate inoltre, dato che la Senatora vota si per far guerra in Afganistan, ad un "Nobel per i Disabili Afgani e non solo".
Sogni d'oro.

Postato per cervelli non Adoranti.

Opinioni libere di Una Voce.

sabato ho fatto 1100 km, da Brindisi, per venire a Vicenza a dire la mia su una base di uno straniero in casa nostra, per aiutare i vicentini a liberare la propria terra.
Ti ho sentita parlare, come i 200 mila che erano lì, ho battuto le mani per il tuo discorso, " se non del tutto giusto, quasi niente sbagliato..."
Ora ho scoperto che hai votato sì perchè avevi paura, paura di ammettere che tra Prodi e Berlusconi no vi è alcuna differenza, sulla guerra, sul concetto che vogliono spacciare per pace, sulla nostra terra depredata dagli americani, e ora che la responsabilità è ricaduta interamente solo su due persone, tu sei fra gli amici di d'alema, Esso, Tamoil.... vergogna.

Senatora, lasciando stare la sua misera prassi parlamento-piazza, prassi del piedino in due staffe, mi dica: "avrebbe votato a favore della guerra in Afganistan e non solo se a contaminarsi con l'uranio impoverito c'era suo figlio"?
Ripeto: "Ognuno ha forza sufficiente, anche la Senatora, a sopportare i mali altrui".
Si dimetta, è più decoroso! Non pensi solo ai privilegi. Lei non è indispensabile, mi creda.
Stà collezionando figure e me..a da mane a sera.
Stà mandando a rotoli la sua vecchia autobriogafia, le sue lotte, la sua coscienza: "tutto nel cesso stà finendo". Ci pensi bene.

Postato per cervelli non Adoranti.

Opinioni libere di Una Voce.