ANALISI DEI BILANCI DEL SENATO

Cari amici,
vi propongo un documento elaborato da un nostro collaboratore, Carlo Ungarelli,ricercatore universitario a Pisa.
Questo lavoro è una trattazione scientifica, e pertanto alcuni passaggi possono risultare “poco scorrevoli” ma credo sia un lavoro fondamentale e vi invito a leggerlo fino alla fine!

Si tratta di una comparazione dei bilanci nel corso degli anni. I risultati si commentano da soli.

Un grande ringraziamento al Prof. Ungarelli per il lavoro svolto!

Franca

Innanzi tutto, se si considera la spesa complessiva del senato a partire dal 1989 fino ad oggi (i dati relativi agli ultimi tre anni li ho ricavati dal Bilancio Triennale di Previsione (2004-2006)) si trova un andamento ben al di sopra dell'inflazione, intesa come variazione dei prezzi al consumo per l'intera nazione calcolata dall'Istat. In dettaglio ecco i dati relativi
alla variazione percentuale di anno in anno della spesa complessiva del senato. La variazione e` calcolata nel seguente modo: ad esempio, anni 1989-1990, variazione percentuale della spesa = (spesa(1990)-spesa(1989))/spesa(1989)

Anni Variazione percentuale della spesa(%)

1989-1990 12.37
1990-1991 21.35
1991-1992 9.32
1992-1993 6.46
1993-1994 8.43
1994-1995 8.68
1995-1996 10.38
1996-1997 1.84
1997-1998 7.05
1998-1999 1.58
1999-2000 5.75
2000-2001 7.11
2001-2002 10.18
2002-2003 11.26
2003-2004 15.00
2004-2005 2.92
2005-2006 4.71

Si consideri che il massimo incremento dovuto all'inflazione in questo periodo e` stato del 6.2 % (nel 1989). Se guardiamo ai periodi 1993-1996 e ai periodi
1999-2003, si nota un consistente aumento della variazione percentuale di spesa annuale del senato. Per esempio, durante il secondo governo Berlusconi, dal 2001 al 2004 la spesa del senato e` aumentata complessivamente del 43.5 %.
Inoltre, ad eccezione del periodo 1990-1991, il massimo di variazione percentuale della spesa si e` avuto nel 2003-2004 : 15%.

Concentrandosi sugli ultimi anni (2000-2006) ecco i dati relativi ad alcune categorie di spesa, con relative variazioni percentuali

Categoria 1: Relazioni esterne, cerimoniale e vigilanza

Anno Spesa(Milioni di Euro) Variazione percentuale (%)

2000 4.65 -
2001 5.08 9.4
2002 7.08 39.4
2003 7.81 10.3
2004 12.05 54.3
2005 9.75 -19
2006 8.01 -17

Categoria 4: Personale

Anno Spesa(Milioni di Euro) Variazione percentuale (%)

2000 89.61 -
2001 100.42 12.06
2002 110.94 10.48
2003 121.98 9.94
2004 124.84 2.34
2005 140.95 12.9
2006 147.15 4.4

Categoria 9: Acquisto di beni di consumo e di servizi

Anno Spesa (Milioni di Euro) Variazione percentuale
(%)

2000 16.03 -
2001 19.72 23
2002 13.70 -31
2003 15.77 15.1
2004 20.74 31.5
2005 21.35 2.9
2006 21.19 -0.75

Sono degne di nota alcune variazioni percentuali abbastanza anomale, come
a) Il 54 % di aumento di spese di relazioni esterne, cerimoniale e vigilanza previsto per il periodo che va dal 2003 al 2004b) il 31.5 % di aumento nelle spese di acquisto di beni di consumo e di servizi dal 2003 al 2004

A questo propongo due confronti. Il primo relativo alla sottocategoria 1.2.1 della categoria 2 (Senatori):

Indennita` parlamentare (totale)

Anno Indennita` Parlamentare Variazione percentuale (%)

2000 43.03 -
2001 44.55 3.5
2002 45.83 2.8
2003 48.22 5.2
2004 46.25 -4.2
2005 47.50 2.7
2006 50.00 5.2

Analizzando i dati istat relativi al periodo 2000-2006 si trova (prendendo come riferimento i lavoratori nelle aziende private che offrono servizi)

Anno Variazione percentuale dello stipendio lordo
2000 -
2001 2.2
2002 2.0
2003 2.4
2004 3.0
2005 3.0
2006 3.3

(N.B. il dato relativo al 2006 si riferisce al mese di Ottobre). L'aumento complessivo dell'indennita` parlamentare nel periodo 2001-2003 (il periodo con gli aumenti di salari piu` bassi) e` stata complessivamente del 11.5 %, confrontata con il 6.6 % di aumento dei salari. Inoltre, nonostante la riduzione del 4.2 % (prevista per il 2004 dal bilancio triennale di previsione) si e` avuto un aumento del 5.2 % nel 2003 (piu` del doppio dell'aumento salariale
per quell'anno) e si prevede un aumento del 5.2 % per il 2006.

A questo punto ho fatto un confronto relativo alla categoria

9 (Acquisto di beni di consumo e di servizi) scegliendo in particolare la sottocategoria relativa alla spesa di prodotti igienico sanitari e servizi di pulizia. Come riferimento ho considerato l`indice nazionale dei prezzi di consumo per famiglie di operai ed impiegati , che nel periodo 2000-2006 ha avuto un incremento percentuale medio del 2.5 %.

I risultati sono i seguenti

Categoria 1.9.6: Prodotti igienico sanitari e servizi di
pulizia

Anno Spesa (Milioni di Euro) Variazione
Percentuale

2000 1.5993 -
2001 1.5925 -0.4 %
2002 1.6452 3.3 %
2003 2.0420 24 %
2004 2.2620 10.7 %
2005 2.3250 2.6 %
2006 2.4000 3.4 %

Come si vede, tra il 2002 ed il 2003 si verifica una variazione abbastanza anomala (24 %) come anomale risulta anche la variazione prevista (10.7 %) tra il 2004 ed il 2005.

spesa complessiva del senato e consideriamo due periodi: 1996-2001 e 2001-2006 (si tenga conto che la spesa complessiva per gli anni 2004-2006 e` stimata sulla base del bilancio previsto).

Nel 1996 la spesa complessiva per il senato e` stata di 298.130 milioni di euro, mentre nel 2001 la spesa e` stata di 374.043 milioni di euro: questo corrisponde ad un incremento complessivo del 25% dal 1996 al 2001. Nel 2006 la spesa prevista e` di 568,355 milioni di euro; confrontando questo dato con la spesa del 2001 si trova un incremento complessivo, nel periodo 2001-2006, del 52% ovvero il doppio del periodo precendente!

Questa aumento nella percentuale di spesa e` in parte spiegabile con la presenza di una serie di anomalie che ho riscontrato analizzando le diverse voci di spesa. Si noti che queste non sono le uniche, ma sono solo quelle che sono emerse da una prima ricerca.

Prima riflessione: Percentuale della spesa complessiva del senato relativa agli ex-senatori (questa voce di spesa e` suddivisa in due sottocategorie: assegno vitalizio e spese di viaggio). Nel 2001 la spesa complessiva per gli ex-senatori e` stata di 63.972 milioni di euro, pari al 17.1% della spesa totale; nel 2002 e` stata di 68.062 milioni di euro, 16.5% della spesa totale; nel 2003 e` stata di 71.348 milioni di euro, pari al 15.5% della spesa totale; per il triennio 2004-2006 la percentuale prevista si assesta intorno al 13.0% della spesa totale.
Si pongono alcune riflessioni: come si puo` spiegare che una percentuale cosi` alta della spesa di un'istituzione vada a favore di persone che non sono più formalmente membri di quest'istituzione?

Seconda riflessione: spese di viaggio dei senatori: nel 2001 e` di 8.35 milioni di euro, il 16.4% in piu`rispetto all'anno precedente; nel 2002 aumenta del 9.2% diventando 9.12 milioni di euro. Nel 2006 la spesa prevista e` di 10.4 milioni di euro. Qui si puo` fare una semplice considerazione. Ciascuno dei 315 senatori ha a disposizione nel 2006 33016 euro, una cifra che corrisponde circa a 20 viaggi in treno al mese andata e ritorno in prima classe Roma-Milano.

Terza riflessione: Se guardiamo alla voce ``Compensi a personale estraneo all'amministrazione'' si trova che nel 2001 la spesa e` stata di 7.65 milioni di euro : nel 2002 ha avuto un'impennata del 26.8%, raggiungendo la cifra di 9.7 milioni di euro e negli anni successivi ha avuto un aumento graduale, fino a raggiungere la cifra di 11.130 milioni di euro nel 2006, un aumento del 57% rispetto al 2001.

Consideriamo ora alcune spese di gestione, manutenzione e acquisto beni

1) Biancheria, tende e guide. Nel 2001 la spesa e` di 94276 euro, quasi il doppio dell'anno precendente. La cosa sconcertante e` che la previsione di spesa per il 2004, 2005, 2006 e` di 250mila, 260mila, 270mila euro rispettivamente.

2)Vestiario di servizio: nel 2001 la spesa e` di 242.173 mila euro, nel 2002 la spesa e` di 226.687 mila euro, nel 2003 ha un incremento del 174% ed e` di 621.712 mila euro. Sulla base di questa cifra il bilancio di previsione per il 2004,2005,2006 e` quindi di 733000,735000,745000 euro. Ora, nel 2001 nel senato c`erano 871 dipendenti e` si e` speso 278.04 euro a dipendente; nel 2006 ci sono 1096 dipendenti e si prevede una spesa di 679.74 euro a dipendente, ovviamente solo per il rinnovo del guardaroba.
Questo corrisponderebbe a un'aumento del 207 % della spesa rispetto al 2001, a fronte di un aumento (solo!) del 26 % nel numero di dipendenti.

3) Gestione autoparco , noleggio autoveicoli: nel 2001 per gestione di autoparco si sono spesi 92.344 mila euro; nel 2002 c`e` un aumento del 35 % e la spesa e` di 124.680 mila euro; nel 2003 l'aumento e` del 17.9 %
rispetto all'anno precendente , con una spesa di 147.097 mila euro. Per il noleggio la previsione per il 2004 e` di 350mila euro (+62 % rispetto all'anno precedente), per il 2005 di 355mila euro, per il 2006 di 365mila euro.

4) Manuntezioni degli arredi e delle Tappezzerie: nel 2001 la spesa e` di 111.878 mila euro, il 52% in piu` rispetto all'anno precedente. Una piccola diminuzione (-2.1 %) l'anno successivo (2002), ma nel 2003 c`e` un'aumento pari al 89% della spesa dell'anno precendente: la spesa ammonta a 207.966 mila euro. Di conseguenza, la previsione per il triennio 2004-2006 diventa: 286mila euro nel 2004 (+37% rispetto all'anno precedente), 290mila euro nel 2005, 295mila euro nel 2006.

5) Acquisto di opere d'arte: nel 2001 si spendono solo 6193 euro, mentre nel 2002 la spesa e` di 59749 euro (+864 %). L'anomalia in questo caso e` la previsione di spesa per il triennio 2004-2006: 250 mila euro all'anno.

Una categoria a parte sono i servizi informatici. Esiste una voce di spesa ``Attivita` di progettazione informatica''. Qui l`anomalia e` piuttosto interessante. Nel 2000 si sono spesi 745mila euro; l'anno successivo si verifica un aumento del 47% per cui la cifra sale a 1.101 milioni di euro. Nel 2002 si ridimensiona (381 mila euro), pero` nel 2003 ha un impennata del 47% con una spesa di 561 mila euro. La spesa prevista per il 2004 e` di 995mila euro (+77% rispetto all'anno precedente), per il 2005 e` di 1 milione di euro e per il 2006 e` di 1.050 milioni di euro. Dal 2002 al 2006 la spesa per attivita` di progettazione informatica e` quindi aumentata del 175 %.

Ho fatto quindi il seguente paragone. Ho preso i dati relativi al finanziamento ai progetti universitari (PRIN=progetti di ricerca di interesse nazionale). L'area tematica che contiene i progetti di informazione e` la area 9 ("Ingegneria industriale e dell'informazione").
Nel 2002 il governo ha approvato un fondo pari a 16.4 milioni di euro per tutti i progetti di questa area, mentre nel 2005 il fondo e` stato di 15.161 milioni di euro. Una diminuzione pari al 8 %. Ovvero il governo taglia i fondi per la ricerca in progettazione informatica ma aumenta spaventosamente la dotazione per la ricerca di progettazione informatica nel Senato (dove e` noto sono necessari supercalcolatori..)Inoltre, nel 2005 la spesa prevista per attivita` di progettazione informatica nel senato e` pari al 6.6% della cifra stanziata dal Governo per la ricerca nel settore informatico.
Si noti che questa categoria non include le spese per il noleggio di programmi informatici .

grafico analisi spese complessive

grafico spese prodotti igienico-sanitari

andamento spese totali


Commenti

Il tuo lavoro è importantissimo. Sapere è alla base del decidere.

...(ma l'economia non è il mio forte), che mentre il paese non cresceva e il debito pubblico invece sì, l'ex Presidente del Consiglio saliva nella classifica degli uomini più ricchi del mondo con i soldi degli Italiani.
Ho capito bene?
Correggetemi se sbaglio

Sei un gigante, conciso essenziale efficace!!!ma cambia NIKI name.