PER IL RILANCIO A COSTO ZERO DEL PAESE (Lettera aperta sul Cip6)

Di Francesco Meneguzzo coordinatore tecnico Energia e Innovazione dei Verdi e Jacopo Fo presidente della Libera Università di Alcatraz
XX dicembre 2006

(Aderisci a questa lettera aperta utilizzando lo spazio dei commenti a questa news)
Mentre ci si affannava sulle virgole delle cifre di una manovra Finanziaria in cui, come sempre, gran parte dei flussi di denaro prescindono dalla produzione materiale dei beni, un piccolo gruppo di Senatori, guidato da Loredana De Petris e Tommaso Sodano, riusciva a ottenere quello che era impensabile fino a pochi mesi fa: che fossero finalmente cancellate le illegittime – perché in contrasto con le norme Comunitarie – incentivazioni alla produzione di energia elettrica da fonti che non siano rinnovabili, come le così dette fonti “assimilate”, per esempio i rifiuti non biodegradabili, i bitumi e gli scarti di raffineria, lo stesso gas naturale fossile purché si utilizzi il calore generato nella produzione elettrica (cogenerazione).
Uno scherzo, questo, che non è durato poco: iniziato nel 1992 con la delibera “CIP 6”, fondata sulla Legge 10 del 1991, ha consentito in 15 anni la destinazione di circa 40 miliardi di Euro attualizzati a fonti che niente hanno a che vedere con il sole, il vento, l’acqua, la geotermia, riservando a queste fonti soltanto il 20 per cento circa delle risorse complessive.
Ogni due mesi i cittadini italiani hanno sovvenzionato senza fiatare, per mezzo della bolletta elettrica, gli inceneritori di rifiuti e i gassificatori degli scarti del petrolio, quasi 4 miliardi di Euro nel solo anno 2005: tutto questo, credendo in buona fede di finanziare le fonti rinnovabili!!!
Intanto, dato che funzionava, la truffa si è fatta ancora più raffinata, concedendo all’elettricità prodotta dai rifiuti di plastica e gomma, il così detto CDR o combustibile derivato dai rifiuti, e perfino all’idrogeno prodotto a partire da qualsiasi fonte, petrolio, gas e carbone, l’accesso ai Certificati Verdi, titoli negoziabili che in pratica raddoppiano o perfino triplicano il valore dell’energia elettrica prodotta, mettendo impropriamente in competizione le fonti fossili con le fonti rinnovabili.
Grazie – si fa per dire – a questo lunghissimo scandalo, l’Italia è rimasta al palo con la maggior parte delle nuove fonti rinnovabili, in particolare con quella solare fotovoltaica, che è la più promettente, che in Germania e in Spagna, per non parlare del Giappone, degli Stati Uniti, della Cina, ha già prodotto un’economia diffusa e centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro capillarmente diffusi sul territorio, contribuendo al rispetto del Protocollo di Kyoto sui cambiamenti climatici.
Di fronte all’incontrollabile aumento dei prezzi del petrolio e del gas, che soffrono di crisi di approvvigionamento sempre più minacciose, alla minaccia del ritorno in grande stile del carbone, che l’Italia non possiede e che in ogni caso rappresenta la più grave minaccia per la stabilità climatica e ambientale del pianeta, all’improponibile ritorno a un nucleare che non ha risolto uno solo dei suoi problemi, la Legge Finanziaria 2007 poteva offrire una straordinaria occasione, e in parte è stato così: il comma 644-bis e successivi stabiliscono che le incentivazioni, di qualsiasi tipo e salvo deroghe particolarissime, ancora da stabilire, siano destinate alle sole fonti rinnovabili, in accordo con la Direttiva Europea 2001/77/CE (che da anni è stata recepita correttamente dai maggiori Paesi Europei).
L’oscura lobby trasversale dei raffinatori e degli inceneritoristi ha voluto però colpire anche questa volta, e così l’accordo raggiunto tra maggioranza parlamentare al Senato e Governo, di riservare le residue incentivazioni agli impianti alimentati da fonti non rinnovabili “ai soli impianti già realizzati e operativi” si è trasformato, con un colpo di mano pochi minuti prima del deposito della Finanziaria, nella concessione degli incentivi “ai soli impianti già autorizzati e di cui sia stata avviata concretamente la realizzazione”, rimettendo in gioco potenzialmente decine o centinaia di impianti, in maggioranza inceneritori di rifiuti, e ovviamente centinaia di milioni di Euro all’anno!
Di fronte alla clamorosa e coraggiosa protesta dello stesso piccolo gruppo di Senatori e del Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio, il Governo è stato costretto a tornare sulla questione, impegnandosi a ripristinare la versione originale della norma, ma non subito come con il comma “Fuda” sui reati contabili, piuttosto per mezzo di un emendamento al decreto legge sugli obblighi comunitari, il così detto “decreto mille proroghe” che, emanato il 22 dicembre, dovrà essere convertito in legge entro 60 giorni.
Il Ministro dello Sviluppo Economico, Pierluigi Bersani, si è impegnato infine a non concedere autorizzazioni all’accesso alle incentivazioni ad alcun impianto alimentato da fonti non rinnovabili, fino al ripristino della norma originaria.

NON C’E’ PIU’ BISOGNO, SE MAI C’E’ STATO, DI FINANZIARE LE ENERGIE SPORCHE, NE’ L’INCENERIMENTO DEI RIFIUTI: LE TECNOLOGIE DI OGGI CONSENTONO DI PRODURRE TUTTA L’ENERGIA E GESTIRE I RIFIUTI IN MODO EFFICIENTE E SENZA PREGIUDICARE L’AMBIENTE, IL CLIMA E LA SALUTE.

CHIEDIAMO AI PARLAMENTARI TUTTI E AI MEMBRI DEL GOVERNO DI VIGILARE SENZA CONCEDERE SCONTI SUL RISPETTO DEGLI IMPEGNI PRESI, PER LA SALUTE, L’AMBIENTE, IL LAVORO:
PER IL BENE DELL’ITALIA !!!

Commenti

Cara Franca Rame,

sono in attesa di un contatto, poiche' ho molte idee e proposte da sottoporre, sia per combattere I PRIVILEGI DEI PARLAMENTARI che sono un VERO INSULTO a chi lavora onestamente.il sottosritto ha dovuto emigrato nel 1970 lavorando 14 ore al giorno all'eta' di 16 anni non ancora compiuti!in Germania in una gelateria ITALIANA condotta da ITALIANI del Cadore. Per i privilegi dei parlamentari c'e' una medicina che dobbiamo fargli BERE e' un po' amara ma e' comunque DEMOCRATICA una volta sistemati questi..che si!possiamo definirli i " FURBETTI...DEL PALAZZO " si potra' dare inizio a quella PULIZIA che la stragrande maggioranza degli Italiani onesti attendono da anni, NON E' POSSIBILE AVERE 25 CONDANNATI CON SENTENZA DEFINITIVA CHE LEGIFERANO IN PARLAMENTO !!! PREGO urgentemente la signora Franca Rame contattarmi ai numeri 049 79 57 79 o cell. 338 40 69 858
Buon Anno a Franca Rame a Dario Fo e a tutti .

Gino De Pauli

Credo che forse i nostri figli, in un futuro che sara' pieno di TUMORI,CANCRI,BAMBINI DEFORMI,INQUINAMENTO DELLE ACQUE,DEI CIBI.Delle malattie che NOI gli avremo creato attraverso L'INQUINAMENTO, e tutto perche' avevamo bisogno di SOLDI !!...cercheranno i responsabili e cercheranno anche Noi che non ci siamo INDIGNATI abbastanza e non abbiamo fatto nulla ..troveranno solo le nostre tombe su cui potranno MALEDIRCI PER L'ETERNITA' e temo che arriveranno a provare un tale disgusto e rabbia e vergogna che ci sputeranno addosso.
Per evitare che tutto cio' che ho sopra immaginato possa diventare realta',mi metto a disposizione di chi vuole veramente salvare questo unico PIANETA chiamato Terra.
ADERISCO A QUESTA LETTERA APERTA

Gino De Pauli

Cara Franca,

purtroppo dobbiamo sempre stare con gli occhi aperti. la "oscura lobby trasversale" non molla davvero, e di seguito ti spiego perchè.

Tutti quanti stanno esultando per la felice conclusione della vicenda sui finanziamenti agli inceneritori e simili. Esultano i Verdi, esultano quelli di Rifondazione, ed esultano tantissimi cittadini. Peccato che, a dispetto di quanto dichiarato sui giornali, le cose non stiano proprio così come sembra.

Durante il consiglio dei ministri del 27 dicembre il governo non ha emanato un decreto per correggere l’errore in finanziaria (il famoso “approvati” al posto di “realizzati”), bensì ha approvato un emendamento che verrà presentato in Parlamento a gennaio inoltrato, un emendamento al decreto sugli obblighi comunitari (decreto-legge n. 297 del 27 dicembre 2006, non il "milleproroghe", attenzione). Un decreto avrebbe corretto immediatamente l’errore della finanziaria, invece il fatto che abbiano scelto di presentare un emendamento in seguito (hanno tempo fino al 27 febbraio) significa che fino ad allora resterà in vigore il testo della finanziaria contenente l’errore.
Quali conseguenze ha questa apparentemente piccola differenza? La conseguenza principale è che all’alba del primo gennaio gli inceneritori “approvati” matureranno il diritto ai finanziamenti, così come ancora previsto nel testo non corretto della legge finanziaria. Successivamente, quando e se l’emendamento correttivo presentato dal governo verrà approvato dal Parlamento, i registi degli inceneritori “approvati” si vedranno togliere dei finanziamenti ai quali avevano ormai ottenuto il diritto. Risultato? Leggi questo:
Il divieto di retroattività della legge è un fondamentale valore di civiltà giuridica e principio generale dell’ordinamento, cui il legislatore deve attenersi in linea generale […] Il legislatore […] può emanare norme con efficacia retroattiva […] a condizione che la retroattività trovi adeguata giustificazione sul piano della ragionevolezza e non si ponga con altri valori e interessi costituzionalmente protetti.” (Cassazione Sezione Lavoro n. 18486 del 3 dicembre 2003, Pres. Senese, Rel. Morcavallo).

Quindi questi signori faranno causa allo Stato perché un provvedimento retroattivo avrà procurato loro un danno, ossia la perdita di svariati milioni di euro che ormai erano loro diritto grazie alla finanziaria fallata. E la causa si giocherà sul piano della “ragionevolezza”, un criterio abbastanza discrezionale per lasciare aperto ogni scenario.

E allora, perché non correggere subito l’errore, per mezzo di un decreto, in modo che la norma incriminata non entrasse in vigore neanche per un solo minuto? Eppure hanno fatto proprio così per correggere l’imbarazzante comma che riduceva i termini di prescrizione per i reati contabili. Perché non fare lo stesso per i finanziamenti Cip 6? Se entrambe le norme andavano corrette, perchè usare due metodi diversi per farlo? C'è forse un motivo?

E poi c’è un'altra questione da considerare altrettanto seriamente. Siamo così sicuri che il Parlamento approverà l’emendamento correttivo? Al Senato, ad esempio, dove il centrosinistra ha un vantaggio risicatissimo, siamo così certi che non ci sarà qualcuno, nella maggioranza, che se ne infischierà dell'accordo stipulato originariamente, e che voterà contro, così mandando sotto l’Unione e facendo della correzione dell'errore sui finanziamenti agli inceneritori lettera morta?

Questo è quanto.

Ho scritto stasera a Beppe Grillo sulla questione. Ho provato a parlare con la senatrice De Petris, con cui sono stato in contatto nei giorni scorsi, ma ora il Senato è chiuso. Sto cercando di contattare Tana De Zulueta. Forse tu hai modo di sollevare la questione.
Buon anno e... forza!!!

Effettivamente hai ragione; che si potrebbe fare? chiedere un decreto del governo prima ancora dell'emendamento?

www.maxbazzana.it
www.orchestrazione.it

Guarda, è da due settimane che continuo a fare telefonate in Parlamento, al ministero dell'ambiente, finanche alla segreteria del consiglio dei ministri, per raccogliere informazioni e documentarmi seriamente su quest'affare, visto che i giornali si sono rivelati inaffidabili perchè riportano esclusivamente la versione finale del ministro Chiti. Abbiamo tenuto costantemente informato Grillo, che infatti aveva fatto in fretta e furia un post con video allegato sull' "errore" in finanziaria. Abbiamo denunciato da subito qual era il rischio, ne ho parlato personalmente con la senatrice De Petris, con il meetup di Beppe Grillo abbiamo organizzato un invio in massa di email a Prodi, Pecoraro Scanio, Bersani e Napolitano; poi, passo dopo passo, si è arrivati al punto che ho descritto. E adesso non c'è mica altro da fare: per rimediare al pasticcio la finanziaria dovrebbe essere corretta prima che entri in vigore, ovvero entro domani, e non solo sarebbe necessario che il consiglio dei ministri emanasse un decreto apposito, ma servirebbe anche la firma immediata del Presidente della Repubblica.
Se pensi che il governo abbia voglia di riunirsi...

Te lo dico con, sottilissima, ironia...

Campagne elettorali, sedi, dipendenti... la politica costa, e va organizzata come un'impresa, impiegando soldi per far circolare le "idee", e ottenere consensi alle elezioni, che frutteranno altro denaro, versato in larga parte dallo Stato del popolo "sovrano" con rimborsi spese. Così maggioranza e opposizione stanno coprendo i propri buchi di bilancio(…). Ma investono anche in immobili, gestioni, titoli, organizzando consenso e dissenso. Gestendo il potere, "muovono" le "idee"(…)
I partiti in Italia sono il Logos tra il popolo "sovrano" e le istituzioni, ma anche una camera di compensazione tra diversi interessi. È un lavoro complicato, impegnativo e costoso, che ha bisogno di persone capaci, strutture adeguate, e denaro, molto denaro. Perché i partiti, come un'azienda, devono impegnarsi per ottenere quote sul mercato dei votanti, valutando se i propri investimenti hanno reso in termini di consensi. E, quasi come un'azienda, sono retribuiti dallo Stato del popolo "sovrano" in base ai risultati che ottengono(…)
In base ai risultati che ottengono…questa mi è venuta bene, quasi quanto “la legge è uguale per tutti”.
In realtà la nostra politica ha la più ampia scelta (cumulabile) d’entrate d’Europa se nn del mondo. Soltanto che abbiamo anche la più ampia categoria di “maghi” che hanno bisogno di molta pratica, quindi si esercitano (e come biasimarli), la concorrenza è alta.
Ma per loro ci sono anche degli obblighi. Spade di Damocle che, diciamo, è meglio nn disonorare(…)…

Detto questo, sono d'accordo con te ma si deve fare i conti, anche, con l'ipocrisia dilagante/dilaniante...che è un'altro bel tema...

a presto...auguri...

SIMONE MUOVIAMOCI CON DETERMINAZIONE MA MASTICANDO OTTIMISMO E SENZA STANCARCI LA SITUAZIONE RICHIEDE SANGUE FREDDO E MOLTA CALMA. DOBBIAMO SAPER MUOVERE TUTTA L'UNIONE NON SOLO I VERDI, RIFOND. E IDV
POSTO LA LETTERA E O MANDATO ALL'ONOREVOLE CENTO LA TUA...
una buona notizia: la battaglia comune contro il Cip6 ha fatto un passo avanti. Il Consiglio dei Ministri ha ripristinato l’emendamento – scomparso al Senato - che esclude le fonti assimilate (tra queste gli inceneritori) dagli incentivi per le rinnovabili. Un successo, una buona notizia da far circolare. Insieme alla riapertura della Conferenza dei Servizi per il rigassificatore di Brindisi così da valutare in modo pieno ed esaustivo tutti i profili ambientali e alla decisione di aprire a marzo la Conferenza nazionale sull’energia e l’ambiente. Gli stimoli e le critiche che riceviamo sono utili, talvolta necessarie, ma è importante anche ricordare i risultati positivi e condividerli con chi si è battuto per ottenerli. Un incoraggiamento per chi come noi crede che un’altra economia sia possibile e che le proteste non vanno criminalizzate ma occorre raccogliere le tante proposte per l’innovazione che contengono.
Dunque, alcune buone notizie di fine anno ma certo non ci accontentiamo. Approfitto di questi giorni di festa per augurare a te e a tutti gli amici del blog un buon 2007, ricco di soddisfazioni. E con gli auguri una breve riflessione. Leggo le vostre critiche che personalmente considero utili stimoli ad operare sempre più efficacemente. D’altro canto il tuo blog, così come l’attività dei movimenti che si battono sul territorio per l’ambiente e i diritti dei consumatori, sono preziosi alleati e occhi vigili per chi fa politica con l’obiettivo di realizzare una svolta nelle politiche in questo paese. Di questo parlammo anche nel nostro incontro al ministero nelle prime settimane di vita del governo.
E, devo dirti, che in questi primi mesi di attività ho preferito ‘parlare’ con i fatti più che con i comunicati. Fatti e atti di governo certo migliorabili ma che sicuramente vanno nella direzione che tutti noi auspichiamo. Mi riferisco, ad esempio, al lavoro fatto per sottrarre il progetto Tav in Val di Susa dal perverso meccanismo della Legge Obiettivo e riportarlo nell’ambito delle procedure ordinarie o per togliere i finanziamenti al Ponte sullo Stretto e destinarli alle opere pubbliche davvero utili al Mezzogiorno o, ancora, per aver avviato la riforma totale della Legge Delega. Per aver inserito in Finanziaria più soldi alle energie rinnovabili, per l’efficienza e il risparmio, la mobilità sostenibile, la difesa del territorio da frane e alluvioni, per la lotta alle ecomafie e all’abusivismo edilizio, a favore dei parchi e la biodiversità. Un saldo positivo molto concreto rispetto alle precedenti Finanziarie verificabile da tutti e che ci fa ben sperare per il 2007".
Alfonso Pecoraro Scanio.

SI DOVRA' BYPASSARE IL FILTRO- SONO TUTTI DEMOCRATICI QUI- SOLO BERLUSCONI E’ IL CATTIVO- - NO, TU NON HAI ALCUN MERITO NELLA QUESTIONE DEL CIP6. E’ INUTILE CHE BANNI. Sei solo un predicatore patetico a 25 euro ad ingresso

SI E' DOVUTO BYPASSARE IL FILTRO- SONO TUTTI DEMOCRATICI QUI- SOLO BERLUSCONI E’ IL CATTIVO- - NO, TU NON HAI ALCUN MERITO NELLA QUESTIONE DEL CIP6. E’ INUTILE CHE BANNI Sei un predicatore patetico a 25 euro ad ingresso________+
+
TRA SMINKIASSI E ORTOPEDIA
_______________________________+
+
Posto che l'esperienza politica dell'ex P.M [ uno dei tre "martiri" esposti in questo blog in piena campagna elettorale] è oggettivamente fallimentare sul piano dell'attuazione del programma elettorale, come provato in decine di post dello scrivente stesso medesimo virgola, anzi punto virgola... ma sì, mettiamoli tutti punto, punto virgola, punto esclamativo... che poi si dice che con la moria delle vacche semo diventati sconoscenti dell'ortopedia sminkiattica le REGOLE DI UNA DEMOCRAZIA SANA
prevedono uno sputtanamento urbi et urbi, sì da porre fine ad un imbonimento che ha scassato la minkias punto. E siccome qualmente che oggi è sabato, non devo montare di guardia al post, si sporgono preghiere vivissime di non predicare bene e razzolare male… poi dice che non ti faccio ridere:))-- Non hai alcuna qualità morale per fare il predicatore:
1)Predichi la santità della pressione fiscale, ma fai i condoni berlusconiani
2)Hai il portafoglio a destra e la tastiera a sinistra
3)Ti sei dato l’aureola del censurato, ma fai impallidire persino Berlusconi...Tu, Beppe, sei solo un umorista involontario.
-
www.ricostruire.it
-
No, tu lì non entrerai :))

Un'isola di ghiaccio grande come una cittadina è alla deriva nelle acque del Polo Nord dopo essersi staccata da uno dei maggiori ghiacciai dell'Artico canadese. Il maxi-iceberg ha una superficie di cento chilometri quadrati: secondo gli scienziati l'effetto serra è sul banco degli imputati per il distacco dalla Ellesmere Island, circa 700 chilometri a sud del Polo. Spessa 37 metri, la massa di ghiaccio si è staccata sedici mesi fa, il 13 agosto 2005, ma solo oggi gli scienziati hanno diffuso i particolari dell'evento dopo aver collegato immagini da satellite con le registrazioni dei sismografi che hanno avvertito l'impatto con l'acqua a oltre 200 chilometri di distanza.

Ghiacci vecchi 3mila anni L'isola Ellesmere fa parte della calotta polare Ayles, uno dei sei maggiori ghiacciai dell'Artico canadese. Un evento del genere non ha precedenti in 30 anni nella regione: il nuovo isolotto contiene ghiaccio vecchi tremila anni e secondo gli esperti il suo distacco rappresenta la prova, tangibile e drammatica, che il riscaldamento del pianeta si sta accelerando. "È un evento straordinariamente inquietente", ha detto Warwick Vincent, un ricercatore della Laval University che studia le condizioni climatiche dell'Artico ed è da poco tornato da un sopraluogo nella regione. A suo parere "siamo arrivati a un guado in fatto di clima. Cambiamenti come questi sono il segnale che il cambiamento avviene sempre più in fretta".

Rischi per la navigazione Secondo Vincent, del resto, le condizioni della calotta polare sono sempre più fragili a causa dell'effetto serra: i ghiacci dell'Artico canadese sono del 90 per cento più piccoli rispetto a quando furono scoperti e misurati per la prima volta cento anni fa. Il nuovo isolotto alla deriva potrebbe rappresentare un pericolo per la navigazione e per l'industria estrattiva se in primavera continuerà a muoversi verso sud nel Mare di Beaufort. "Nei prossimi anni isole di ghiaccio come queste potrebbero spostarsi in rotte popolate", ha messo in guardia Laurie Weir del Canadian Ice Service.

RAGAZZI CHIEDO A TUTTI UNO SFORZO:
Siamo qua per AIUTARE per dare FORZA AD UN MOVIMENTO CHE DEVE CRESCERE.. EVITIAMO DI INVESTIRE NEL "PESSIMISMO COSMICO" SE POSTIAMO UN ARTICOLO METTIAMOCI SEMPRE LA PROPOSTA e L'OTTIMISMO.
ABBIAMO IL DOVERE DI CREDERCI DOBBIAMO RIUSCIRE A SFONDARE questo nostro Italico senso di impotenza, NON POSSIAMO favorire un opposizione in mala fede e i soliti "disturbatori", NON FACCIAMO il loro gioco. FORZA, CORAGGIO, TUTTI INSIEME!!! FORZA, CORAGGIO le idee ci verranno! NON DOBBIAMO STANCARCI!!!HASTA LA RIUSCITA !!!TUTTI INSIEME!

Sono assolutamente convinta che tu abbia ragione. E' inutile piangersi addosso. Io credo che ce la faremo a cambiare le cose e non vedo l'ora di poter fare qualcosa di concreto!
Lara

-

Cerche rò di aiutare Franca! Se ha bisogno di persone che la aiutino a leggere e riassumere documenti, o organizzare materiale sono in prima linea.
Non sono parente

concordo in pieno e:

Le 2 mosse per liberarsi dagli inceneritori si chiamano sistema integrato raccolta porta a porta e trattamento biologico. I Comuni di Reggio Emilia, Correggio, San Martino in Rio, hanno proposto in loro delibere di considerare come metodo di smaltimento dei rifiuti non riciclabili il Trattamento Meccanico Biologico "a freddo" senza combustione . Un metodo che, integrato con l'estensione della raccolta differenziata porta a porta, sarebbe alternativo alla costruzione di un nuovo inceneritore e permetterebbe anche la chiusura del vecchio forno oggi ubicato nella frazione di Cavazzoli. Sempre più realtà in Europa (da ultima la contea del Lancashire in Inghilterra 1,2 milioni di abitanti) ma anche in Italia dopo una fase di raccolta differenziata spinta, per la rimanente parte non riciclabile stanno adottando sistemi a Trattamento Biologico senza combustione che oltre ad un impatto ambientale-sanitario minimo hanno anche costi di realizzazione e gestione decisamente inferiori rispetto agli inceneritori. Questo metodo è stato "promosso" a pieni voti anche da organizzazioni come Greenpeace che lo propongono come alternativa agli inceneritori. Questi ultimi, dissipatori di energia (spacciati per termovalorizzatori) in Italia sono fonte di guadagno per le ex municipalizzate solo grazie ai contributi Cip6-Certificati Verdi che noi cittadini paghiamo nelle nostre bollette Enel (voce A3). Un metodo di finanziamento truffaldino che spaccia per "fonti rinnovabili" gli inceneritori quando l'Unione Europea vieta tutto questo, in quanto Bruxelles non considera i rifiuti non-biodegradabili fonte rinnovabile .Per questo l'UE ha già aperto una procedura d'infrazione contro l'Italia.
Pecoraro Scanio ci fa sapere che: la battaglia comune contro il Cip6 ha fatto un passo avanti. Il Consiglio dei Ministri ha ripristinato l’emendamento – scomparso al Senato - che esclude le fonti assimilate (tra queste gli inceneritori) dagli incentivi per le rinnovabili...
Ma se ne parlerà a metà gennaio...e intanto???
E, intanto, i finanziamenti o incentivi (è uguale in questo caso) saranno erogati.
Si potrebbe però bloccarli, e con un emendamento retroattivo a metà (nn oltre) gennaio, chiudere la questione.
Vedremo...

Da sempre sostenitore della pena di morte per reati di Mafia e Denaro pubblico, non riesce di metabolizzare la condanna a morte di Saddam, finché: Bassanini, Rutelli, Lunardi, Tronchetti Provera... saranno ancora a piede libero.
Era sanguinario, ma non ne faceva mistero. Era genocida e non l'ha negato: un uomo così non si ammazza, non si porta nemmeno sugli altari, ma non si ammazza.

http://www.ricostruire.it/l_e___b_a_t_t_u_t_e.htm
-
E con questo post si chiude il vecchio anno.
Pace ... a tutti:)
E' proprio uno scassamento questo PC, che a quanto è dato constatare non porta a niente

Noi speriamo che sia un anno migliore
che tutti gli uomini riscoprano l'amore.
Noi speriamo che i potenti della terra
decidano di finire la guerra.
Noi speriamo che la buona volontà
possa essere il progetto dell'umanità.
Noi speriamo che la fine della povertà
sia l'impegno assoluto di chi governerà.
Noi speriamo che la morte e le sofferenze
siano macigni su tutte le coscienze.
Noi speriamo che l'odio, l'avidità e l'arroganza
si trasformino in pace, generosità e tolleranza.
Noi speriamo che la speranza non sia più tradita
che questo grande sogno sia trasformato in VITA!!!
Noi speriamo che la forza di un bambino
possa cambiare di ogni uomo il suo destino.
Noi speriamo che su ogni viso
possa tornare la luce di un sorriso.
Noi bambini del mondo...

I Fatti (recenti)
___________
1) Titolo grosso con foto: "Comune, Fatuzzo ha giurato" di... fottersi uno stipendio? Non è detto, quindi nell'immaginario Fatuzzo è un eroe. L'avvicendamento nella Giunta di una Città al 103° posto nella graduatoria nazionale, tra Strano e Fatuzzo "risponde esclusivamente a logiche interne ad AN". E questo "La Sicilia" lo scrive chiaro. Quali sono queste logiche?
Silenzio.Domade rimaste senza risposta: Con Fatuzzo non ci saranno più morti di stenti per strada? La pressione fiscale non sarà più da esproprio? Finalmente si saprà se quanti non hanno fatto ricorso dovranno pagare la Tarsu-Garage in una ennesima vessazione Nazionale- Comunali? Se Strano ha "il forte impegno in Senato", chi l'ha pregato di candidarsi al Senato e al Comune, cumulando i due stipendi?Se Fatuzzo non ha deleghe assessoriali, a che titolo percepirà lo stipendio ? Finita l'era Paoloni, inizia Fatuzzo? Silenzio, il siciliano legge "La Sicilia" e dorme: tutta colpa di Prodi, che non ha voluto il Ponte.
2) Vicenda Aeroporto di Catania, vicenda notevole per il futuro della Città. Cosa fa il quotidiano, paladino degli interessi dei siciliani? Fa un'inchiesta in proprio? Dà il giornale al Presidente della Provincia, personaggio noto per essere fuori dai giochi, che hanno affossato la Città.
3) Il resto è demandato all' Epistolario, ma solo se "piangi" e mostri le ferite.
(...) Un pezzo lungo non trova lettori: la chiudiamo qui, rimandando a quanto scritto negli anni: cartaceo e web.
"Dentini avvelenati" ? Avvelenatissimi!
_________________ ma il Forum è stato chiuso: resta il "Calcio".Poco male: lo posteremo lì.

E' il Santo... Capodanno, che ne dite se facemo gli auguri ai due paladini di A.N., Fatuzzo e Strano. Meritano la foto con poe'sia. Se arriva la rituale minaccia di querela, ce la dividiamo.
-
E se arriva un colpo di lupara? Se lo prende solo Franca rame :))
Coraggio, che la morte è un passaggio :))

Sono cose "politiche" queste: che c'azzecca la Procura, se Becchinotti e Prodi e... fanno orecchi da mercante? Anzi, se quel decreto non sarà votato a scrutinio palese, ci farete fessi un'altra volta.
-
A-ri-togli-il-Filtro :))
Vedi che sei nudo con la "cittadina" ?
___________

A Tonino bisogna solo dire di accordarsi con i Verdi e di ascoltarli sempre di più prima di prendere ogni decisione..
PER IL RESTO STA ANDANDO BENISSIMO!!!!

Quanto percepisce un PortaBorse addetto ai Blog? :)
Nu' te 'ncazzàcheperditempoebanda

Nulla.. e dimmi quanto ti fai pagare per finire di "spammare" o se preferisci fare il "troll" in un sito nel quale non sei degno nemmeno di affacciarti?

Prima di Mastrhictit (come caxxo si scrive.. insomma, prima della Ue), morto il de cuius, si buttavano interi scaffali di farmaci: un medico era "obbligato" a prescrivere anche farmaci inutili, pena la perdita del cliente. L'avvento dell' Ue non fu affatto salutato come salvifico... questi stronzi, si prevedeva, ci faranno vedere i sorci verdi, pur di mantenersi il lusso. Non mi sono sbagliato. Ora, se hai un malore ed è giorno festivo, andare al Pronto Soccorso costerà 25 Euro, ovvero Lire 50.000. Una visita specialistica, 46 Euro... Cazzo, se facessi lo sciopero della fame... non ci contare: vedrai che ti salteranno i nervi :))
-
www.ricostruire.it
NON si cancellano i Post: non è democratico, si contestano, ma non si possono cancellare

Oggi è il primo giorno di un ennesimo Anno, che lascerà le cose come stanno. Sciascia, quello del "Giorno della Civetta", sempre lui, definì questo Paese "IRRIDEMIBILE".Questo è un Paese che non ha eguali in nessun'altra parte del globo: si trova preferibile persino un tiranno sanguinario alla democrazia dei Rutelli, Lunardi, Di Pietro...In un Regime sanguinario sei un oppositore e muori con lo status di oppositore.Qui, se scrivi ad un MezzoMinistro... sì caxxo, da noi esistono anche i mezziMinistri, e dimostri in modo documentale che sta solo tentando di prendere per il culo quanti nonInformati sui fatti dovessero capitare per caso in quel Blog, dove si è chiuso con la claque, pagata con Denaro Pubblico, ti manda gli sgherri, ti fa saltare in aria?Fa peggio: ti metti nel Filtro con tante di quelle parole chiare, con tutti gli accaunt, che ti costringe a girare la città alla ricerca di un PC, ma poi quel post viene subito sommerso dai Portaborse addetti ai Blog, nuova figura istituzionale, che sinora *NON* abbiamo visto *solo* nel Blog di Gentiloni. Ma io dico che alle lunghe uscirà fuori dalla grazia di dio :))
-
www.ricostruire.it
NON si cancellano i Post: non è democratico, si contestano, ma non si possono cancellare

Armandino, non so se a te sfugge l'aspetto patologicamente ossessivo e dialetticamente inconsistente dei tuoi "interventi", ma a chi li legge risulta estremamente chiaro.
Non pensi di avere piuttosto bisogno di relazionarti con uno psicanalista, o più semplicemente con un'amica o un amico?
Sei certo che ti sia più utile farneticare addosso a persone seriamente impegnate a migliorare, anche per te, lo stato delle cose?

Sinceri auguri a Franca e a tutti.

-

http://www.ricostruire.it/cani_pisciano_sulle_tombe.htm
-
Questa Sezione raccoglie alcuni pezzi, che erano stati eliminati, perché l'Assessore non è più in carica e per non appesantire il sito. Ma sono pezzi di buon livello satirico, e quell'editore è ancora lì. Ora ha chiuso il Forum, sulla Finanziaria (regionale) , ma con licenza di OT, perché aveva preso una brutta piega per il compare Scassagnini. Di satira non muore nessuno, al massimo si può rimediare qualche minaccia di querela. Certo, con l'Assessore siamo andati giù pesanti: non sarebbe lecito scherzare su difetti fisici, fossero pure lievi, ma l'Assessore è uomo di spirito... se così non fosse, basta un email e sarà modificata qualcosa. Antefatto: appariva un giorno sì e l'altro anche su "il Gazzettino", intento a distribuire "Elefantini" alle coppie d'oro, d'argento e rame.

http://www.ricostruire.it/cani_pisciano_sulle_tombe.htm

Con questo si chiude la "Redazione" per qualche giorno: non è consentito ad alcuno andare oltre un certo limite

Ti ringraziamo per la gioia che ci dai ogni giorno!
Pace gioia e amore a Te e a tutti!

Mentre il petrolio scende a 58 dollari (minimo di 18 mesi) la BENZINA RESTA INCHIODATA a 1,2450 € al litro.
LE 7 sorelle costringono a pagare 120€ in più su consumo medio di 1500 litri annui di benzina per ogni famiglia...
Tutta l'Economia gira su questi fatti oltre che su guerra, droga, armi...
IL TFR, TFS, FTS è un'OPPORTUNITA' UNICA di INVESTIRE contro la PETROLIO-DIPENDENZA. Non perdiamola!

Mi trovo sostanzialmente daccordo col post della Sig.ra Rame riguardo alla "Lettera aperta sui Cip6", anche se ritengo che il Consiglio dei Ministri avrebbe dovuto, più che l'Emendamento alla Legge, varare un Decreto Legge. Il perchè dovrebbe essere abbastanza chiaro. La prego Sig.ra Rame di non dimenticare le famose due Leggi che a me e non solo stanno tanto a cuore: "Modifica Legge Elettorale e Legge Draconiana sul Conflitto d'Interessi". Speriamo bene.
Ho inoltre potuto notare, con sommo sconforto, che anche questo Blog è purtroppo frequentato da personaggi che inviano postati poco propositivi, utilizzando linguaggio goliardicamente reazionario (tipico dell'Italiota Fascista), e tendenti col loro contenuto evasivo e qualunquista a scoraggiare chiunque, appassionatamente, cerca di capire e partecipare alle vicende politiche.
Se può, Sig.ra Rame, chiuda la possibilità d'accesso a simili individui, non tanto perchè pericolosi, ma per ricreare il necessario ordine a capire le problematiche, e meglio svilupparle.
Personalmente, da molti post letti nel suo blog, sono venuto al corrente di fatti, idee, opinioni, che m'hanno fatto progredire parecchio(spero).
Cordiali saluti e buon anno.
Giuliano Marcia.

Mentre il petrolio scende a 58 dollari (minimo di 18 mesi) la BENZINA RESTA INCHIODATA a 1,2450 € al litro.
LE 7 sorelle (Moratti Patron dell'INTER in prima fila, alla faccia di Milly..) costringono a pagare 120€ in più su consumo medio di 1500 litri annui di benzina per ogni famiglia...
Tutta l'Economia gira su questi fatti oltre che su guerra, droga, armi...
IL TFR, TFS, FTS è un'OPPORTUNITA' UNICA di INVESTIRE contro la PETROLIO-DIPENDENZA. Non perdiamola!
Rispetto al 2006 con 18.787,2 milioni di euro, la Finanziaria 2007 porta il totale a 21.364,5 di milioni di euro. Un aumento del 13,7. Allarmante è la spesa per i nuovi sistemi d’arma:
La porta-arei "Conte di Cavour" quasi un miliardo di euro, (sistemi d’arma esclusi), dieci nuove fregate (3,5 miliardi di euro), 121 caccia “Eurofighter” (oltre 6 milardi di euro): da soli rappresentano l’1% del nostr Pil.
DOBBIAMO FERMARE I MOTIVI CHE INNESCANO LA NECESSITA' DI INVESTIRE IN ARMI E CIOE' LA PETROLIO-DIPENDENZA INVESTENDO NELLE RINNOVABILI.
LA PIU' GRANDE LOTTA AGLI SPRECHI E' INVESTIRE NELLE ENERGIE RINNOVABILI RECUPERANDO IL RITARDO ACCUMULATO (circa 15 anni).
JACOPO CI DARA' DI SICURO UNA MANO MA DOBBIAMO INSISTERE "MARTELLARE" sulle RINNOVABILI. Propondo di CONVOCARE il quartier GENERALE di Italia Dei Valori e di CHIEDERE UN ASSEMBLEA GENERALE CON LA NOSTRA ASSOCIAZIONE PER METTERE IN CAMPO INIZIATIVE SULL'INVESTIMENTO DEL TFR-TFS NELLE RINNOVABILI ENTRO MARZO 2007.

SCUSATE MA E' CENTRALE e LO DEVO RIPOSTARE...
Mentre il petrolio scende a 58 dollari (minimo di 18 mesi) la BENZINA RESTA INCHIODATA a 1,2450 € al litro.
LE 7 sorelle, è cioè i "cartelli del petrolio" (Moratti Patron dell'INTER in prima fila, alla faccia di Milly..) costringono a pagare 120€ in più su consumo medio di 1500 litri annui di benzina per ogni famiglia...
Tutta l'Economia gira su questi fatti oltre che su guerra, droga, armi...
IL TFR, TFS, FTS è un'OPPORTUNITA' UNICA di INVESTIRE contro la PETROLIO-DIPENDENZA. Non perdiamola!
Rispetto al 2006 con 18.787,2 milioni di euro, la Finanziaria 2007 porta il totale a 21.364,5 di milioni di euro. Un aumento del 13,7. Allarmante è la spesa per i nuovi sistemi d’arma:
La porta-arei "Conte di Cavour" quasi un miliardo di euro, (sistemi d’arma esclusi), dieci nuove fregate (3,5 miliardi di euro), 121 caccia “Eurofighter” (oltre 6 milardi di euro): da soli rappresentano l’1% del nostr Pil.
DOBBIAMO FERMARE I MOTIVI CHE INNESCANO LA NECESSITA' DI INVESTIRE IN ARMI E CIOE' LA PETROLIO-DIPENDENZA INVESTENDO NELLE RINNOVABILI.
LA PIU' GRANDE LOTTA AGLI SPRECHI E' INVESTIRE NELLE ENERGIE RINNOVABILI RECUPERANDO IL RITARDO ACCUMULATO (circa 15 anni).
JACOPO CI DARA' DI SICURO UNA MANO MA DOBBIAMO INSISTERE "MARTELLARE" sulle RINNOVABILI. Propondo di CONVOCARE il quartier GENERALE di Italia Dei Valori e di CHIEDERE UN ASSEMBLEA GENERALE CON LA NOSTRA ASSOCIAZIONE PER METTERE IN CAMPO INIZIATIVE SULL'INVESTIMENTO DEL TFR-TFS NELLE RINNOVABILI ENTRO MARZO 2007.

Il petrolio diminuisce e la benzina no.

Da tempo mi domando a chi vanno i profitti (immagino enormi su scala mondiale) di questo mancato adeguamento al ribasso.

Perchè non esiste un meccanismo di adeguamento ?

Sarei grato se qualcuno potesse chiarirmi le idee in proposito.

Caro Gargantua,
e che ci vogliamo raccontare delle tasse indirette ,IVA e affini, che gravano sulle spalle dell'ultimo pirla?
E che ci diciamo della campagna promozionale sull'assegnazione di un maggior numero di posti negli asili nido,posto il fatto che si avrà diritto solo,dopo aver presentato la certificazione dei redditi(hahahahaha)? Mi fermo qui.
Pensa che genialità questi soloni della politica di vertice,a parte chi ci ospita e pochi altri,non solo hanno reso il potere dominante nei confronti di chi li ha delegati a rappresentarli ma,brancolano completamente nel buio e tra non molto ne pagheranno le conseguenze.
Fortunatamente per.... mi fermo qui.
Valfredo

Caro Reddy, la mia non era una domanda retorica, davvero mi interessa sapere chi si giova dei ribassi del greggio, visto che da sempre a tali ribassi non conseguono corrispondenti cali del prezzo per il prodotto al consumo.

Chi incassa quella differenza?

Le compagnie petrolifere?

I governi?

Ambedue?

Penso che sarebbe utile esserne a conoscenza per meglio comprendere i meccanismi e le logiche delle multinazionali del petrolio e la loro influenza sulla politica mondiale.

Sono Io che ho postato non Reddy. Giova alle cosidette 7 sorelle (Compagnie Petrolifere e Petrolieri)...Moratti ad esempio (patron dell'INTER)...perchè non investe sulle ENERGIE RINNOVABILI anzichè sul Petrolio?????

SCUSATE MA E' CENTRALE e LO DEVO RIPOSTARE...
Mentre il petrolio scende a 58 dollari (minimo di 18 mesi) la BENZINA RESTA INCHIODATA a 1,2450 € al litro.
LE 7 sorelle, è cioè i "cartelli del petrolio" (Moratti Patron dell'INTER in prima fila, alla faccia di Milly..) costringono a pagare 120€ in più su consumo medio di 1500 litri annui di benzina per ogni famiglia...
Tutta l'Economia gira su questi fatti oltre che su guerra, droga, armi...
IL TFR, TFS, FTS è un'OPPORTUNITA' UNICA di INVESTIRE contro la PETROLIO-DIPENDENZA. Non perdiamola!
Rispetto al 2006 con 18.787,2 milioni di euro, la Finanziaria 2007 porta il totale a 21.364,5 di milioni di euro. Un aumento del 13,7. Allarmante è la spesa per i nuovi sistemi d’arma:
La porta-arei "Conte di Cavour" quasi un miliardo di euro, (sistemi d’arma esclusi), dieci nuove fregate (3,5 miliardi di euro), 121 caccia “Eurofighter” (oltre 6 milardi di euro): da soli rappresentano l’1% del nostr Pil.
DOBBIAMO FERMARE I MOTIVI CHE INNESCANO LA NECESSITA' DI INVESTIRE IN ARMI E CIOE' LA PETROLIO-DIPENDENZA INVESTENDO NELLE RINNOVABILI.
LA PIU' GRANDE LOTTA AGLI SPRECHI E' INVESTIRE NELLE ENERGIE RINNOVABILI RECUPERANDO IL RITARDO ACCUMULATO (circa 15 anni).
JACOPO CI DARA' DI SICURO UNA MANO MA DOBBIAMO INSISTERE "MARTELLARE" sulle RINNOVABILI. Propondo di CONVOCARE il quartier GENERALE di Italia Dei Valori e di CHIEDERE UN ASSEMBLEA GENERALE CON LA NOSTRA ASSOCIAZIONE PER METTERE IN CAMPO INIZIATIVE SULL'INVESTIMENTO DEL TFR-TFS NELLE RINNOVABILI ENTRO MARZO 2007.

Quindi le compagnie petrolifere comprano il greggio a un prezzo inferiore ma continuano a venderlo allo stesso prezzo, intascando per intero la differenza a proprio esclusivo vantaggio? E' così?
I governi non hanno alcun ruolo in questo gioco di mercato?
Scusa se insisto con le domande, ma mi risulta difficile comprendere come sia possibile che un semplice 'giochino' al ribasso possa produrre fortune economiche di entità incalcolabile.

P.S. La risposta di prima era realmente per Reddy che aveva postato precedentemente un commento al primo intervento sulla questione.

SCUSATE MA E' CENTRALE e LO DEVO RIPOSTARE...
Mentre il petrolio scende a 58 dollari (minimo di 18 mesi) la BENZINA RESTA INCHIODATA a 1,2450 € al litro.
LE 7 sorelle, è cioè i "cartelli del petrolio" (Moratti Patron dell'INTER in prima fila, alla faccia di Milly..) costringono a pagare 120€ in più su consumo medio di 1500 litri annui di benzina per ogni famiglia...
Tutta l'Economia gira su questi fatti oltre che su guerra, droga, armi...
IL TFR, TFS, FTS è un'OPPORTUNITA' UNICA di INVESTIRE contro la PETROLIO-DIPENDENZA. Non perdiamola!
Rispetto al 2006 con 18.787,2 milioni di euro, la Finanziaria 2007 porta il totale a 21.364,5 di milioni di euro. Un aumento del 13,7. Allarmante è la spesa per i nuovi sistemi d’arma:
La porta-arei "Conte di Cavour" quasi un miliardo di euro, (sistemi d’arma esclusi), dieci nuove fregate (3,5 miliardi di euro), 121 caccia “Eurofighter” (oltre 6 milardi di euro): da soli rappresentano l’1% del nostr Pil.
DOBBIAMO FERMARE I MOTIVI CHE INNESCANO LA NECESSITA' DI INVESTIRE IN ARMI E CIOE' LA PETROLIO-DIPENDENZA INVESTENDO NELLE RINNOVABILI.
LA PIU' GRANDE LOTTA AGLI SPRECHI E' INVESTIRE NELLE ENERGIE RINNOVABILI RECUPERANDO IL RITARDO ACCUMULATO (circa 15 anni).
JACOPO CI DARA' DI SICURO UNA MANO MA DOBBIAMO INSISTERE "MARTELLARE" sulle RINNOVABILI. Propondo di CONVOCARE il quartier GENERALE di Italia Dei Valori e di CHIEDERE UN ASSEMBLEA GENERALE CON LA NOSTRA ASSOCIAZIONE PER METTERE IN CAMPO INIZIATIVE SULL'INVESTIMENTO DEL TFR-TFS NELLE RINNOVABILI ENTRO MARZO 2007.

Tolleranza zero del governo nei confronti dei dipendenti pubblici che commettono reati: il ddl dal ministro per le Riforme Nicolais ne prevede il licenziamento in tronco anche davanti al patteggiamento. Oggi scatta il licenziamento se il dipendente viene condannato ad almeno 3 anni. Se patteggia, il dipendente che beneficia dello sconto di un terzo della pena non perde il posto automaticamente.Nel mirino i reati di corruzione, concussione e peculato.
Il provvedimento Nicolais equipara chi subisce la condanna piena a chi patteggia.

La tesi è che il reato in sè mina il carattere fiduciario del rapporto tra il dipendente e l'amministrazione (che rappresenta il datore di lavoro). Il fatto che la pena possa essere decurtata per ragioni processuali ''non può attenuare l'impatto del reato sul rapporto di lavoro''. L'obiettivo eè quello di evitare che procedure che puntano a semplificare ed accelerare la definizione del giudizi penali ''possano determinare benefici indiretti sui rapporti di lavoro pregiudicandone l'azione disciplinare''. Che si dovrà aprire, comunque, per tutti gli altri reati e le cui sanzioni saranno graduate a seconda della gravità del fatto commesso: si va dalla multa fino al licenziamento passando dalla sospensione dal lavoro per un certo periodo di tempo. Il dirigente preposto all'apertura del procedimento disciplinare che risulterà inadempiente sarà considerato responsabile per danno all'immagine davanti alla Corte dei Conti. Non solo: il suo comportamento sara' valutato anche sotto il profilo delle performance dirigenziali. Il provvedimento obbliga, inoltre, gli uffici amministrativi a comunicare tra loro lo stato dell'arte del procedimento penale.

In particolare, oggi la Procura della Repubblica competente comunica all'Amministrazione l'avvio dell'azione penale senza dare notizia pero' dell'eventuale sentenza di condanna. Da qui l'incertezza in cui versano le amministrazioni, costrette a dover richiedere periodicamente gli aggiornamenti sull'esito del giudizio. La cancelleria del tribunale dovra' quindi trasmettere l'estratto della sentenza di condanna per consentire alle amministrazioni di adottare i provvedimenti di propria competenza. Per le condanne ad una periodo di reclusione superiore ad un anno la relativa sentenza dovrà essere trasmessa anche all'Ispettorato della Funzione Pubblica, consentendo cosi' al ministero di monitorare i comportamenti delle amministrazioni.

Il Petrolio è sceso a 54 dollari.La guerra non si fa solo per il petrolio.Le energie rinnovabili sono una parte e non il tutto, che è costituito dalle tangenti (ora si chiamano "donazioni liberali") versati dai Moratti ai politicanti, autorizzando così a fare la qualsiasi. Domanda alle società petrolifere: perché avete lasciato immutato il prezzo? risposta: questo è terrorismo mediatico: il 60 % del costo è costituito dalle Accise.Embè? resta il 30% alla pompa,no? Ma queste cose chi dovrebbe dirle? Tutto inizia e finisce con la moralizzazione della politica.Non è l'ecologia, da sola, la panacea.
Anche con le rinnovabili troverebbero il modo di spennare il pollo.
Siamo nelle mani di nessuno.

TE NE DEVI ANDARE E' CHIARO SEI SOLO UN TROLL!!!!!UNO SPAM!!!!
UNO CHE INTERVIENE NEI BLOG PER IMPEDIRE IL LAVORO ALTRUI
VATTENEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

Si parla infatti di procedere gradualmente ad allineare gli estimi
catastali con i valori reali degli immobili, il che porterà in futuro ad un aumento di tutte le imposte che si calcolano in base ai valori catastali, ICIcompresa.
-
Qual è il tuo lavoro in seno alla "Segreteria"?
Quanto percepisci?
Contrattualizzato o in nero?
-
www.ricostruire.it

SCUSATE MA E' CENTRALE e LO DEVO RIPOSTARE...
Mentre il petrolio scende a 58 dollari (minimo di 18 mesi) la BENZINA RESTA INCHIODATA a 1,2450 € al litro.
LE 7 sorelle, è cioè i "cartelli del petrolio" (Moratti Patron dell'INTER in prima fila, alla faccia di Milly..) costringono a pagare 120€ in più su consumo medio di 1500 litri annui di benzina per ogni famiglia...
Tutta l'Economia gira su questi fatti oltre che su guerra, droga, armi...
IL TFR, TFS, FTS è un'OPPORTUNITA' UNICA di INVESTIRE contro la PETROLIO-DIPENDENZA. Non perdiamola!
Rispetto al 2006 con 18.787,2 milioni di euro, la Finanziaria 2007 porta il totale a 21.364,5 di milioni di euro. Un aumento del 13,7. Allarmante è la spesa per i nuovi sistemi d’arma:
La porta-arei "Conte di Cavour" quasi un miliardo di euro, (sistemi d’arma esclusi), dieci nuove fregate (3,5 miliardi di euro), 121 caccia “Eurofighter” (oltre 6 milardi di euro): da soli rappresentano l’1% del nostr Pil.
DOBBIAMO FERMARE I MOTIVI CHE INNESCANO LA NECESSITA' DI INVESTIRE IN ARMI E CIOE' LA PETROLIO-DIPENDENZA INVESTENDO NELLE RINNOVABILI.
LA PIU' GRANDE LOTTA AGLI SPRECHI E' INVESTIRE NELLE ENERGIE RINNOVABILI RECUPERANDO IL RITARDO ACCUMULATO (circa 15 anni).
JACOPO CI DARA' DI SICURO UNA MANO MA DOBBIAMO INSISTERE "MARTELLARE" sulle RINNOVABILI. Propondo di CONVOCARE il quartier GENERALE di Italia Dei Valori e di CHIEDERE UN ASSEMBLEA GENERALE CON LA NOSTRA ASSOCIAZIONE PER METTERE IN CAMPO INIZIATIVE SULL'INVESTIMENTO DEL TFR-TFS NELLE RINNOVABILI ENTRO MARZO 2007.

Tolleranza zero del governo nei confronti dei dipendenti pubblici che commettono reati: il ddl dal ministro per le Riforme Nicolais ne prevede il licenziamento in tronco anche davanti al patteggiamento. Oggi scatta il licenziamento se il dipendente viene condannato ad almeno 3 anni. Se patteggia, il dipendente che beneficia dello sconto di un terzo della pena non perde il posto automaticamente.Nel mirino i reati di corruzione, concussione e peculato.
Il provvedimento Nicolais equipara chi subisce la condanna piena a chi patteggia.

La tesi è che il reato in sè mina il carattere fiduciario del rapporto tra il dipendente e l'amministrazione (che rappresenta il datore di lavoro). Il fatto che la pena possa essere decurtata per ragioni processuali ''non può attenuare l'impatto del reato sul rapporto di lavoro''. L'obiettivo eè quello di evitare che procedure che puntano a semplificare ed accelerare la definizione del giudizi penali ''possano determinare benefici indiretti sui rapporti di lavoro pregiudicandone l'azione disciplinare''. Che si dovrà aprire, comunque, per tutti gli altri reati e le cui sanzioni saranno graduate a seconda della gravità del fatto commesso: si va dalla multa fino al licenziamento passando dalla sospensione dal lavoro per un certo periodo di tempo. Il dirigente preposto all'apertura del procedimento disciplinare che risulterà inadempiente sarà considerato responsabile per danno all'immagine davanti alla Corte dei Conti. Non solo: il suo comportamento sara' valutato anche sotto il profilo delle performance dirigenziali. Il provvedimento obbliga, inoltre, gli uffici amministrativi a comunicare tra loro lo stato dell'arte del procedimento penale.

In particolare, oggi la Procura della Repubblica competente comunica all'Amministrazione l'avvio dell'azione penale senza dare notizia pero' dell'eventuale sentenza di condanna. Da qui l'incertezza in cui versano le amministrazioni, costrette a dover richiedere periodicamente gli aggiornamenti sull'esito del giudizio. La cancelleria del tribunale dovra' quindi trasmettere l'estratto della sentenza di condanna per consentire alle amministrazioni di adottare i provvedimenti di propria competenza. Per le condanne ad una periodo di reclusione superiore ad un anno la relativa sentenza dovrà essere trasmessa anche all'Ispettorato della Funzione Pubblica, consentendo cosi' al ministero di monitorare i comportamenti delle amministrazioni.

Caro Gargantua,
è evidente che sulla carta sono le sette sorelle a godere di questi privilegi, tra tutti i veri padroni del mondo, che risiedono in Arabia Saudita,Emirati Arabi e cosi via fino ad arrivare in U.S.A nel ranch di Dabliù.
Se poi vogliamo addentrarci nel profondo del discorso, senza essere retorici, i soldini finiscono nelle stesse tasche dei soliti noti.
E' semplicemente cambiato il sistema, prima era il politico a essere al di sopra del potente, ora è l'esatto contrario.
Davvero credi che in un parlamento dove, purtroppo, siedono almeno 90 inquisiti, che legiferano per i reati contro i dipendenti pubblici, dando così esempio di continuità morale con se stessi, si pensi a non intascare soldini extra, da trattenere e distribuire ad amici e parenti? (non sono in grado di fare nomi e cognomi).

Cara La Pace,
forse è arrivato il momento che si cominci ad aiutarci da soli, riunendo gli onesti e le persone che hanno nel loro DNA tutti quei valori che da tempo andiamo dicendo di avere.
Io di certo non mollo, fortunatamente non sono solo, e prima o poi riuscirò insieme a chi è con me a costruire la forza motrice di una vera modernità che riesca ad appagare ogni richiesta della nostra parte di elettorato senza mai più deluderlo.
Anche quello che chiedi è dentro questo discorso.
Un abbraccio a tutti.
Valfredo

D.S. Fassino e D'Alema dovrebbero fare pulizia all'interno del loro partito. Ai vertici di organismi provinciali e regionali, in tutta Italia, hanno ancora parassiti della politica (coloro, cioè, che hanno sempre mangiato con le tessere dei loro iscritti(alcuni non hanno mai lavorato) Per quanto riguarda quelli che poi hanno fatto il salto di qualità, nel senso che sono stati infiltrati, e dico, sono stati, senza essere eletti, nelle amministrazioni pubbliche, andando a ricoprire anche cariche di alto livello (note:assessori esterni, e altro)dovrebbe essere presentata una mozione di immediata esplusione già da subito, indicendo un congresso extra-straordinario(grande prova di coraggio e non ci spero!) Perchè molti di loro si stanno gia "leccando i baffi" in vista delle prossime amministrative. Poveri noi...ammorbati dall'odor di .....! Ma i voti sono voti e Fassino o i suoi delegati decentrati del partito multicorrentista si turano il naso.O non lo fanno, tanto sono talmente lontani ormai dalla gente che nemmeno la puzza sentono più...noi ancora si. Lasciatemelo dire che la questione morale è morta ammazzata da anni, decenni, di immoralità, menefreghismo,opportunismo elettorale, tradimento degli impegni presi, ogni volta gli stessi..e chi ci crede ancora..caxxi suoi. Maa un'appalto per levare via la spazzatura lo devono fare, non possono trascinarsela all'interno del PD, se lo faranno, potrebbe ammorbare anche quello. E' un consiglio, non un appello.

D.S. Fassino e D'Alema dovrebbero fare pulizia all'interno del loro partito. Ai vertici di organismi provinciali e regionali, in tutta Italia, hanno ancora parassiti della politica (coloro, cioè, che hanno sempre mangiato con le tessere dei loro iscritti(alcuni non hanno mai lavorato) Per quanto riguarda quelli che poi hanno fatto il salto di qualità, nel senso che sono stati infiltrati, e dico, sono stati, senza essere eletti, nelle amministrazioni pubbliche, andando a ricoprire anche cariche di alto livello (note:assessori esterni, e altro)dovrebbe essere presentata una mozione di immediata esplusione già da subito, indicendo un congresso extra-straordinario(grande prova di coraggio e non ci spero!) Perchè molti di loro si stanno gia "leccando i baffi" in vista delle prossime amministrative. Poveri noi...ammorbati dall'odor di .....! Ma i voti sono voti e Fassino o i suoi delegati decentrati del partito multicorrentista si turano il naso.O non lo fanno, tanto sono talmente lontani ormai dalla gente che nemmeno la puzza sentono più...noi ancora si. Lasciatemelo dire che la questione morale è morta ammazzata da anni, decenni, di immoralità, menefreghismo,opportunismo elettorale, tradimento degli impegni presi, ogni volta gli stessi..e chi ci crede ancora..caxxi suoi. Ma un'appalto per levare via la spazzatura lo devono fare, non possono trascinarsela all'interno del PD, se lo faranno, potrebbe ammorbare anche quello. E' un consiglio, non un appello.
Commento della sottoscritta a un artico della Papi su www.comincialitalia.net