ciao a tutti!

sto correndo come un coniglio inseguito dalla volpe. me l'avessero raccontato che in senato si lavora come quelli che raccolgono i pomodori in Puglia (noi siamo pagati di più per la verità) non ci avrei creduto.
Questa mattina 9,30-14 dibattito sul discorso pronuciato dal Papa a Ratisbona con votazione. Gente infuocata come il senatore Buttiglione, gente annoiata... mattinata lunga tra il solito brusio. se ne sono andati in tanti, tra cui io, verso l'1,30. mi piacerebbe che in aula si comportassero con maggior rispetto del luogo dove ci troviamo, maggior rispetto delle persone. invece casino, casino, casino. sempre!
ore 16: question time, interrogazione al ministro Paolo Ferrero sul caso della bimba bielorussa.
ci ho messo un po' a prepararlo. tempo limitato: interrogazione, 1 minuto, replica 3 minuti.
Srivo, lo leggo all'amica Carlotta Nao, mia asssitente: "cronometra per favore". "Troppo lungo, siamo fuori di trentacinque secondi". maledizione. taglio. rileggo. riconometra. siamo fuori di 18 secondi. taglio. siamo fuori di 9 secondi. pazienza. tenterò. al massimo mi spegneranno il microfono.
ce l'ho fatta! mai parlato tanto velocemente. eravamo in pochissimi, quindi mi hanno ascoltato. credo. domani metterò sul blog l'intervento integrale, quello tagliato potrete trovarlo sul sito del senato.
con lunedì inizierò la pubblicazione degli sprechi e dei costi dello stato. proibisco ai pensionati di leggerlo. non voglio essere responsabile di infarti o suicidi.
sono stanca. penso che andrò a mangiarmi un bel cono gelato dalla mia amica Giolitti (il più buono di Roma!) poi passeggerò quei 30 minuti, giusto per la circolazione del sangue. mi verranno le gambe da elefante... cenerò con un bel piattone di splendidi spaghetti alla POMMAROLA (5 euro!) e via.. letto co il mio computerino sulle ginocchia per rivedere le ultime cose. ho comperato anche un televisore al PLASMON come lo chiama dario. speriamo che ci sia qualche non schifezza.
ci sentiamo domani. un bacio
franca