lettera di Davide Scaramuzzino

GRAZIE DAVIDE!

Cara Franca,
dopo la nostra telefonata di ieri,  ho deciso di fare un post sul mio
"poverissimo" blog cittadino.
Ti invo il testo, per il post integrale,  se hai tempo  visita www.
italiadeivalorisiena.splinder.com.
Grazie ancora,
Davide Scaramuzzino
PS se non sono stato corretto ti prego di farmelo notare.
GRAZIE FRANCA!
Nella giornata di ieri, erano circa le 19:30, ho ricevuto una
telefonata del tutto inattesa.
Dall’altra parte della linea una voce femminile, che dice:
“Pronto…pronto...sei Davide? Sono FRANCA RAME”. Ovviamente potete
provare ad immaginare il mio stupore, mi chiama Franca Rame!
Da qualche giorno era intercorso un breve giro di e-mail e telefonate
fra me e il suo comitato elettorale, avevo spiegato le difficoltà del
territorio e mi avevano garantito piena disponibilità.
Non ci sto nella pelle, una donna, un simbolo, permettetemi…un Nobel
(cosi la definì una volta Dario Fo), non mi faccio scappare nemmeno una
parola, la ascolto. Mi parla del suo non perfetto stato di salute, dell’
impegno preso al quale non vuole venir meno, della difficoltà di avere
accesso al mondo dei media…di quanto sia importante il lavoro di tutti!
Da donna, da mamma e da nonna si preoccupa di conoscere i miei impegni
e non tralascia di spronarmi a terminare gli studi!
Il ghiaccio è rotto, le parlo della mia idea di fare un’intervista on-
line con il nostro Guelfo e di invitare alla mobilitazione tutti coloro
che la vogliono al Senato!
Lei è gentilissima, mi ringrazia e -unico istante in cui la
interrompo…oramai ci diamo del tu- le dico : “Franca, scusami, ma sono
io a ringraziare te!…sono felice di poter fare la campagna elettorale
insieme, non puoi capire quale onore sia per me!!” .
La sento un po’ emozionata, mi ringrazia e mi rivela che mai come in
questi giorni le sono state rivolte tante belle parole.
La ringrazio ancora e ci salutiamo.

Commenti

Ieri sera, per farmi passare il mal di stomaco, mi son fermato a guardar i cugini di campagna Rutelli e Casini duettare a Ballarò.
Son certo che qualcosa abbiano detto, ma l'unico effetto positivo è stato che il malessere che avevo si è magicamente affievolito.
Penso che sarebbero degli ottimi paliativi per i malati terminali in caso di mancanza di morfina.
Una delle poche cose che, però, ho sentito per la prima volta ieri sera, l'ha riferita Diliberto, e cioè che i partner di parlamentari e giornalisti, non sposati e conviventi, hanno diritto alla PENSIONE DI REVERSIBILITA' e ad altri privilegi concessi solitamente solo a chi si unisce in matrimonio.
Penso, cara Franca, che questo possa diventare, se già non lo è, un ottimo pretesto da sbandierare per riconoscere a tutti questo diritto.

Anche ieri sera come al solito dell'immigrazione non si è parlato.
I dibattiti si svolgono solo su CPT sì, CPT no o su extracomunitari si o no; che ci portano via il lavoro(?!), che son tutti delinquenti (?!?!), che sono delle scimmie(?!?!?!) etc.
Ora capisco perchè alcuni dicono che i marziani son già arrivati sulla terra ma han paura a rivelarsi..
Il problema è che pochi sanno cos'è un CPT e tra quei pochi ancor meno riescono a comprendere che non è una questione di si o no, ma di quello che succede, di come son stati gestiti, di come ci stiamo comportando nei riguardi di questi ESSERI UMANI.
E ancor meno persone riescono a farsi la domanda: ma perchè vengono qua?
Li conto su due mani quelli,infine, che riescono/vogliono darsi una risposta.

Se qualcuno fosse interessato consiglio 'L'ORDA - quando gli albanesi eravamo noi' e ODISEE entrambi di Gian Antonio Stella.
Potete scaricarvi il film 'MARE NOSTRUM' da www.stefanomencherini.org
e dallo stesso sito potrete (ri)leggere l'articolo-esperienza da molti dimenticato di Gatti.
Se qualcuno è di Padova il 5 Aprile può venir a vedere il concerto spettacolo'Per favore non chiudere' dell'orchestrina.
Un piccolo grande augurio: EMOZIONATEVI.

www.orchestrazione.it