XXVI PUNTATA - SESSO?

 

PULCINELLA

In verità si sono inventati anche termini poetici per indicare il sesso femminile. I provenzali, per esempio, la chiamavano parpaja, cioè farfalla... gentile no? I lombardi mugnaghin, cioè albicocca. I napoletani... i più lirici: 'a muscariella-puchiacchia cioè a dire: una zolla di muschio odoroso.

Di questa delicata espressione si serve anche Pulcinella raccontando il suo viaggio sulla luna:

"Abbasta, me so' scucciato de 'sto monno

 e in coppa a' luna me ce vojo annà!

Pigghiaje 'na scala a pioli longa, longa

e issata l'aggio in suso, pontata a 'ritto in faccia a la luna

co' un'altra scala in brazza ce montaie

e in coppa a quella ce l'appiccicaje stringata forte assai co' una fune

quinni, me n'aiette in suso piolo a piolo.

Gionto in su l'ultimo gradino destaccai la scala che steva sotto

e in coppa a chista la ligai e su de novo...

piolo a piolo de novo me ce arrampicai.

Acussì, a notte fonna su la luna c'arrivai.

Ell'era tonda tonda e smorta come latte,

proprio sulla canappia del naso ce 'prodai.

Uno naso grosso come 'o dosso d'un vulcano.

Ell'è evidente che nell'aggraparme a la gran narice della luna

lo solletico je procuraje,

tanto che 'no sternuto teremento j'è sortuto

e me trovaje sparazzato a rotolarce sopra al so' faccione. E lì ho veduto venirme encontro 'na processione

come a chella che facimmu a Piedigrotta

quanno 'o sole pe' 'no jorno solo all'anno

sponta do' mare e lo primo rajo va  a spertusare

proprio in 'sto straforo a galleria in do' monte

e ce se infricca dintra como 'no sperone arruzzolato,

che po' sarebbe il sole che ce fa all'amore assatanato

con la terra tonda tutt'intiera e ce gode tutto lo creato.

Ed  isso è lo jorno primmo de la primmavera.

D'int'a 'sta processione te vedo carri empiegniti de perzone

che danzeno d'embriachi e fan gran festa:

donne, tante, desnude, donne femmine

co'le zinne sballozose e chiappe a girovolta

e appresso me ci appare un cero grande assai

come de quelli che se vede a Nola,

ne la processione che se fa allo santo,

soltanto che no' è fatto a frostaglie 'sto cero lunateco

ne a torciglione e ne manco a pinnacolo

ma è 'na mazza-sana, uno spernazzone fallico de omo, fai conto 'n obelisco de Nerone.

Poi ce vedo passare in processione 'na conchija granda che se move

e par che canta

ma non è 'na valva de paguro... ne mano 'na vongola verace... ci ho indovinato è 'na  stropiccia  de gigantessa,

uno bello portratto de 'na fessa enamorosa.

In poi me so' resvegliato intrammezzo... ch'ero de novo enterrato

no' me recordo de come m'ha capitato 'sto retorno en èsto monno

de fatto gli è che de la luna so' remasto stralunato, ci ho 'na stramba malattia.

Se me vegh' spontà in do cielo un'aquilone appeso a 'nu filo a spola

io, allo posto sojo, ci vegh 'na muscariella  e' femmina che vola

 e lu vento se la porta a strepidare  e se consola. Sempre nel cielo remeranno nuvole e cirri

io nun ce scorgh dragoni, eliofanti e caravelle.

Io ci indovino solo panze e cosce, chiappe tonde e zinnarelle

e' femmene che se vanno arrotolanno a giravolta e spasimo

abbrancati a me.

Sì, vegh tanti Pulicinelli come a me

che fanno smoscammenti e sboltonate all'onda

come gran marosi dint'a 'na tempesta e femmene tutte che fan festa insieme a me.

E nun c'è medicina che da 'sta strania visione me porte via...

E che me frega...!

'Azzo, comm'è bella assai 'sta malattia!