Votazioni e leggi I

Giovedì 4 maggio Ore 10.30 Aula: elezione di 4 vice presidenti, tre questori e otto segretari: i vice presidenti sono Angius, Calderoli, Caprili e Baccini. I questori, Nieddu, Comincioli e Thaler Ausserhofer. I segretari, De Petris, D’Amico, Giovanni Battaglia, Ladu, Ventucci, Malan, Viespoli e Eufemi. Il Consiglio di Presidenza del Senato è finalmente costituito. Nessuna delle donne presenti ha avuto cariche. Lunedì 8 maggio Ore 16.00 seduta comune (Camera e Senato): votazione del Presidente della Repubblica. Martedì 9 maggio Ore 11.40 seduta comune Camera e Senato. Dopo altri tre scrutini, si elegge finalmente il Presidente, è Giorgio Napolitano. Sono contentissima che sia proprio lui a coprire la più alta carica dello stato. Ho conosciuto Napolitano nel 1969, a Roma al Cinema Bologna. Era un incontro organizzato da Enrico Berlinguer per decidere come proseguire la nostra tournée dopo il boicottaggio di una parte del Partito comunista che non aveva gradito alcune critiche contenute nell’atto unico “Legami pure, che tanto spacco tutto lo stesso”. Berlinguer! Indimenticabile amico! Quando non era ancora segretario del PCI, ci si vedeva, veniva con altri compagni a teatro… si andava dopo lo spettacolo a cena… quanto si parlava, discuteva. Me lo ricordo con Togliatti al teatro Eliseo. Togliatti in platea!! Eravamo emozianatissimi. Mentre si recitava controllavamo se si divertisse. “Sì, sì, ride”, dicevo a Dario. Poi sono saliti nei camerini a salutarci e ci siamo rilassati. È stata un gran bella serata. Proprio da COMPAGNI. Dopo l’elezione di Napolitano a Presidente, il Senato si ferma per le elezioni amministrative (10 giorni di vacanza). Mercoledì 31 maggio 2006 ore 12- Aula votazione per DISEGNO DI LEGGE521 (decreto per la funzionalità dell’Amministrazione della pubblica sicurezza). Subito dopo si è votato un altro disegno di legge, il DISEGNO DI LEGGE n. 522 sempre del governo Berlusconi, sul decreto per il reimpiego dei lavoratori oltre i 50 anni di età e per i sostegni alle imprese in crisi (15 milioni di euro per il salvataggio e la ristrutturazione! Da dove salteranno fuori i denari con ‘sto popò di debito pubblico che ci ritroviamo?). Voto favorevole di tutti i gruppi parlamentari, anche se molti, tra i quali Malabarba di Rifondazione, si sono augurati che il nuovo governo abbandoni la linea “troppo assistenziale e di breve respiro” che aveva caratterizzato il centro-destra. Vado a vedere il facciario del senato per informarmi chi sia questo Malabarba. (Sapete cos’è il facciario? Un opuscoletto con tutte le foto dei senatori, nomi, cognomi, gruppo di appartenenza, ecc. Esiste anche quello con le foto dei componenti le varie commissioni. Lo regalerò alla mia nipotina Jaele e mi darò un sacco di arie!) (...) Vediamo… Ma Ma Ma Malabarba… È un tipo con la faccia molto seria… ha l’aria di uno di casa mia… infatti leggo: Luigi MALABARBA Regione di elezione: Liguria Nato l'8 dicembre 1951 a Gaggiano (Milano) Residente a Milano Professione: Operaio Gruppo RC-SE Membro della 1ª Commissione permanente (Affari Costituzionali) Operaio, senatore… niente male! Sono incuriosita. Lo cerco ma non lo trovo.

Commenti

Volevo solo dirti (uso il tu , perchè ti seguo fin da quand'ero in fasce , essendo mia madre una vostra [tua e di Dario] grande "fan"), che ieri sera sei stata semplicemente magnifica .
Non sapevo esistesse questo blog , d'ora in poi cercherò di passarci spesso.
Il giornalista servo di Silvio , a mio modestissimo parere , avresti fatto meglio a snobbarlo . Con certa gentaglia non penso sia il caso di scendere a dibattito , comunque hai risposto in maniera ottima.
Complimenti.
Anche il problema della supposta coerenza tra quello che hai sempre detto ed il tuo voto non regge , dovessimo , disgraziatamente , avere nuovamente ex p2isti ed ex fascisti al governo sarebbe molto peggio.

Porta avanti la tua battaglia contro gli sprechi , non tutte le persone , in questo Paese , quando a parlare sono persone come te , pensano ad altro.

Un abbraccio.