Escatologia e scatologia. Come dire lo spirito e lo sterco.

Chiedo sinceramente scusa se ho offeso qualcuno con un epiteto grossolano che mi sono lasciata sfuggire davanti alle facce che mi apparivano sul teleschermo nella sera di sabato.
Si trattava di uno sfogo privato, furbescamente carpito da due giornalisti che si sono infilati, fingendosi amici, nella nostra camera d’albergo a Vicenza. BRAVA GENTE!
E questo livello di violazione della privacy mi sembra ben più grave della mia espressione colorita.
Da giorni mi sono indignata sentendo parlare le alte sfere dello Stato, a proposito della base di Vicenza come di un “all’allargamento”. È una menzogna! Non si allarga niente, si raddoppia! Altra favola raccontata dai politici nel tg di sabato sera è il “contratto con gli americani da rispettare”. “Bugiardi!” ho esclamato.
Il governo Prodi ha dovuto dare una risposta agli americani, come si è visto, confermando la disponibilità italiana, quindi vuol dire che non era affatto scontato che il nuovo governo si associasse alle decisioni di quello antecedente.
Essi, alti dirigenti politici della sinistra, non apparivano per niente preoccupati dopo l’inaspettato successo della manifestazione di Vicenza con più di centomila partecipanti (alcuni giornali parlano addirittura di 200 mila). Davanti a una simile, straordinaria partecipazione si sperava che qualcuno sarebbe ritornato sui suoi passi e riveduto le decisioni prese. Ci si contava in tanti!
La manifestazione ha dimostrato che esiste un movimento grande e forte, capace oggi di gestire la situazione escludendo ogni tipo di provocazione.
In molti avevano previsto una seconda Genova e qualcuno in fondo lo auspicava.
Era cresciuto sempre più il clima di paura che scientemente i mass media avevano divulgato, con previsioni di disordini, sommosse, i black block che imperversavano sfondando vetrine, i no global che incendiavano macchine, candelotti, fumo e fiamme, qualche morto qua e là, fosse lo scenario minimo del gran finale. E invece no: tutto calmo, tutto tranquillo! Ma che scarogna! Si è assistito, al contrario, a uno spettacolo di un civismo esemplare: mamme che spingevano ridenti i loro bimbi dentro le carrozzelle, ragazzi che ballavano al ritmo di gioiose canzoni eseguite da band e complessi musicali, striscioni le cui scritte rivolte ai ministri del governo sollecitavano: “Onorevoli compagni, presidente, ripensateci! Toglieteci di mezzo questa insopportabile, nefasta servitù! Noi amiamo gli americani ma non come tutor armati, che occupano le terre dove viviamo e siamo nati. E soprattutto non vogliamo contribuire a pagare la loro onerosa permanenza!”.
Davanti a tanta sacrosanta e così numerosa assemblea, questi nostri rappresentanti che noi abbiamo eletto rispondevano con un certo malcelato disprezzo, quasi piccati dalla nostra evidente insolenza.
“No! – ci hanno risposto. – Il dado è tratto e quel che abbiamo deciso non si tocca. I provvedimenti stabiliti dal governo, gli accordi con i nostri alleati USA non si toccano.”
Gli accordi? Ma quali accordi? Quelli presi dal governo Berlusconi! Ma noi si credeva di aver eletto un governo nuovo, autonomo dal precedente, non dipendente da esso. Così, dopo averci assicurato infinite volte che il popolo è sovrano, che non esiste nessuna delega definitiva a chi ci rappresenta, all’istante ci venite a spernacchiare addosso a insulto che noi non si conta nulla. La democrazia non può dipendere dalla piazza. Ma cos’è ‘sta piazza? Un raduno di ubriachi e di teppisti facinorosi, drogati? Per non parlare delle donnacce…
Allora noi non siamo cittadini, ma semplici votanti: truppa da consenso e supporto!
È stato lì, che a nome di tutti quelle centinaia di migliaia di bidonati, illusi di aver voce in capitolo nel decidere cosa fare della propria vita, mi è sortito quell’epiteto ignominioso, di sapore rozzo, ma essenziale: cazzone, bugiardi.
Sì, avete ragione voi puristi lessicali: sarebbe stato più consono ed accettabile se avessi appellato quei nostri eletti con il termine di fallotropi, ipocritès. In greco è sempre più degno e magniloquente…
Siamo in un Paese dove la forma è posta all’apice di ogni discorso; al contrario, il contenuto è sterco da buttare.

E già che ci siamo: in questi giorni si discute dei Pacs o Dico e ci sono cattolici nell’opposizione e nella maggioranza che si dicono contrari alle coppie di fatto. Affermano con tono risentito ma civile che la famiglia è sacra, che è il centro motore di una società veramente democratica, apostolica… e anche romana, che permettendo queste nuove leggi scellerate che si sostituiscono al sacro rito dell’unione di maschi e femmine davanti a Dio, si distrugge la famiglia. Poi vai a vedere come sono uniti con le donne o gli uomini questi irriducibili onorevoli contrari, che tengono la croce sotto la maglietta della salute e la foto del Cardinal Ruini come salva-schermo del computer, e scopri che in gran numero hanno sfasciato una loro prima famiglia per costruirsene un’altra irregolamentare, in barba ai sacramenti e ai sacri riti. A cominciare dall’onorevole ex presidente Casini, strenuo parrocchiale, e poi Adornato, Bossi, Calderoli, Castelli, Carlucci, Fini, La Russa, Gardini, Guzzanti, Frattini, Micciché, Matteoli, Pecorella, Santanchè, Urbani… fino al maestro falsatore Berlusconi.
E allora gridiamo insieme: fallotropi, ipocrites!
Siamo di carnevale, tenetevi pure la maschera… tanto vi abbiamo già riconosciuti!

E che dire del dispaccio della Finanza uscito qualche giorno fa sulla droga? “I consumatori occulti di stupefacenti annidati nella borghesia media e ricca del nostro Paese hanno raggiunto livelli impressionanti: si parla di centinaia di tonnellate al mese per un valore di milioni di miliardi di sniffo e pere. E vai sicuro che fra quelli che annusano a pompa coca, ce ne trovi una caterva che fan parte degli indignati urlatori del pericolo della droga nei ragazzi… fustigatori dello spinello libero e di chi ne fa uso! E come chiamarli costoro?
Fallotri, ipocrites e drugàt (drogato)!

E per chiudere vi offriamo un’ultima osservazione, la più indignata.
Alla Camera e al Senato, sia fra gli eletti dell’opposizione in gran numero e più scarsi nelle file della maggioranza, vivono e ci rappresentano e godono di stipendi e privilegi una caterva di onorevoli indagati dalla Giustizia, sotto inchiesta per crimini vari, alcuni già condannati in prima e seconda istanza, altri definitivamente (sono ben 82 gli onorevoli dichiarati colpevoli).
Ebbene, noi siamo l’unico Paese in Europa nel quale si tollera tranquillamente che degli individui compromessi con la giustizia siano eletti tra i rappresentanti delle Camere. E quando costoro attraversano l’ingresso che porta alle stanze dell’Assemblea della Repubblica, le guardie in alta uniforme, carabinieri, finanzieri, agenti di polizia, scattano sull’attenti e sbattono i tacchi in segno di reverente saluto, anche se hanno corrotto giudici, truffato, mentito in tribunale e sono collusi con la mafia.
Denunciamo da anni l’inaccettabile presenza di questi personaggi dentro la struttura del nostro democratico Paese, nato dalla Resistenza, ma nulla si muove, tutto resta affondato, impantanato nell’immonda e inamovibile gora e a noi non resta che gridare a tutta voce: fallotropi, ipocrites, puzzoni!

Commenti

Credo che "studio aperto" di ieri sera sia un esempio chiarificatore del perchè siamo al 76* posto nel mondo per libertà di informazione.
Da ieri siamo scesi sicuramente di molti gradini.
Una denuncia all'ordine dei giornalisti credo che sia dovuta se vogliamo arginare una deriva inaccettabile in un Paese civile.

Dopo il penosissimo livello che "studio aperto" ha toccato ieri sera, sia importante fare una denuncia all'ordine dei giornalisti.
Francesca

Come fate a vedere studio aperto? Tg gossip in cui la notizia di 15 minuti riguarda il grande fratello & c. Preferisco Tg4, almeno mi vien da ridere e ho qualcuno da mandare a.... ma proprio tg gossip non lo reggo, scusate.

Ma che resti proprio tra noi due, quando ho visto il filmato ho detto:" beh io dico di peggio!" Ma puzzoni...PUZZONI...MITICA FRANCA SARà LA MIA PAROLA D'ODINE FUORI I PUZZONI DAL PARLAMENTO. Parlando però più seriamente trovo che una denuncia all'ordine dei giornalisti ci stia proprio bene...penso proprio che la farò.

Grandiosa, mi farei una maglietta anche con questa scritta. Hai proprio ragione. Anche secondo me una denuncia all'ordine dei giornalisti sarebbe sensata, la manderò al più presto.

If you want to sing out sing out

mail dell'ordine nazionale dei giornalisti odg@odg.it http://www.odg.it/

Vi segnalo l’immondo servizio (http://www.studioaperto.mediaset.it/inostriservizi.shtml ) ripreso all’insaputa della Senatrice Franca Rame e del suo coniuge Dario Fo e mandato in onda dall’ormai insostenibile telegiornale Studio Aperto della rete Italia Uno, il giorno 18/2/07 nelle edizioni di mezzogiorno e delle 18 . Sono una telespettatrice stufa della disinformazione strumentale che viene fatta dai vostri rappresentati. VERGOGNA Provvedete. Voglio informazione vere e non becero voyeurismo. Questo servizio sistemato in una scaletta pensata apposta per mistificare e svilire un evento altamente civico come la manifestazione NO DAL MOLIN tenutasi a Vicenza sabato 17 offende l’intero popolo di partecipanti a questo evento ( E coloro che pur non fisicamente presenti vi hanno partecipato idealmente), che si sono visti assimilare in questo pessimo telegiornale, alle ridottissime e criticabili frange estremiste presenti in corteo.

Questa è la mia segnalazione all'ordine dei giornalisti:

Vorrei segnalarvi il vergognoso "servizio" che è andato in onda a Studio Aperto (Italia Uno) il 18 febbraio 2007 nelle edizioni delle 12 e delle 18, dove la Senatrice Franca Rame, con il marito Dario Fo, è stata ripresa a sua insaputa. Considero questo gesto di Studio Aperto veramente terribile, mirato soltanto a infangare la Senatrice e la grande manifestazione di Vicenza del 17 febbraio. Nel "telegiornale" non è stato detto niente dell'intervento che la Senatrice ha fatto davanti all'immensa folla, nemmeno una parola. Una tremenda censura. Per favore, provvedete. Grazie.

Perché la SenatorA, che scalpita contro Prodi, ha votato a favore dell'ampliamento della base NATO? Perché senno' il governo sarebbe caduto e avrebbe corso il rischio di essere spedita in cucina a calci in culo prima dei 2 anni 6 mesi e un 1 giorno... ma io non ho ancora persa la speranza, dopo tutto a 77 anni, se non ora, quando? sta pensione, almeno questa, me la vorrei risparmiare, mi sta tanto sulle gonadi quel maldestro piedino in due staffe
__________ www.ricostruire.it __________
Ci siamo ridotti proprio male. il guaio è che anche il padreterno si fa li cazzi sua.

Infatti,
siccome il fieno deve ancora entrare in cascina (la pensione d'oro), la Senatora continuerà tranquilla a macinare contraddizioni.
Il tutto in barba agli sciocchi leccaculo che l'adorano.
Poveri idioti: "sono persi in denunce contro l'ordine dei giornalisti".
L'apoteosi arriverà a marzo 2007 col voto al Senato per rifinanziare le missioni militari all'estero, compresa quella nella ex Iugoslavia che fa rientrare i nostri soldati col cancro. O mi sbaglio?
La causa? Semplice: "uranio impoverito".
Buonanotte Adoratori.

Postato per cervelli non intasati da Idoli Vecchi e Senatoriali.

Opinioni di Una Voce.

Il filmato è un fatto e dimostra che franca ha votato no! L'alzata di mano come dita voi, sarà anche un altro fatto, ma, a provvedimento dell'opposizione già approvato, è un fatto che ha comunque il merito di non aver causato una crisi di maggioranza. E A noi sta più che bene così. e finitela di martoriarci saremo anche adoranti ma a differenza vostra ragioniamo con entrambi gli emisferi cerebrali.

Cesare Previti è stato ammesso ai servizi civili. Il tribunale di sorveglianza di Roma ha deciso che il deputato di Forza Italia, potrà scontare parte dei suoi arresti domiciliari lavorando presso il Ceis di Don Picchi, struttura di volontariato che si occupa del recupero di emarginati, tossicodipendenti e disabili, come consulente legale. L'uscita da casa è prevista per le 7, mentre il rientro alle 23.
E' stata accolta, quindi, la richiesta dei difensori dell'ex ministro, Alessandro Sammarco e Annaisa Garcea, che avevano sollecitato la concessione del beneficio di legge. Previti è attualmente agli arresti domiciliari nella sua abitazione di piazza Farnese, nel centro di Roma, per effetto della condanna a sei anni di reclusione inflittagli per concorso in corruzione al termine del processo Imi-Sir. Allo stato deve scontare ancora circa un anno e sette mesi di reclusione avendo, tra l'altro, ottenuto una riduzione di pena di tre anni grazie al recente indulto.
Inizialmente Previti aveva prospettato la possibilità di prestare servizio presso l'associazione Onlus Operation Smile, che si occupa di bimbi con gravi disabilità, ma la soluzione indicata dal collegio presieduto da Laura Longo e' caduta sul Ceis, il gruppo di volontariato, nato nella seconda metà degli anni settanta, conosciuto per la lotta contro la diffusione della tossicodipendenza.

una cava di pietra! Una Salina! Una miniera!!!

azz che PACIFISTI....

siete uno e trino. E si è capito. Da troppi giorni continuate a ravanare in un torbido che è solo vostro. Previti stava benissimo nella miniera o nella cava o nella salina, come moltissimi altri italiani che svolgono lo stesso lavoro. Non è certo antipacifismo pensare che un simile impiego sia di gran lungo più adeguato ad una persona che, evidentemente non ha mai conosciuto fatica e sudore. Per ciò che concerne Franca Rame ebbene, saremo adoranti e quanto di peggio ci avete detto ma a noi l'operato della Senatrice sta benissimo così, il suo voto è palese, la sua busta paga anche... la vostra no. Se non lo avete ancora capito vi si continua a rispondere solo ed esclusivamente per dare modo a chi entra per la prima volta nel blog di vedere che i frequentatori di questo sito non sono delle persone che come voi inneggiano alla guerra, alle brigate rosse, e fiancheggiano i vari Previti e puzzoneria bella. La vostra azione continua soltanto ad evidenziare il nostro merito. Dunque vedete un po' voi. Per quanto mi riguarda la spudorata tendenza alla diffamazione e alle menzogne che traspare dai vostri post non fa altro che accrescere il merito della attività della Senatrice. PER EVITARE LA GUERRA OGNI GUERRA E' INDISPENSABILE NON ANDARE CONTRO MA RAGIONARE ALLA PARI. VI E' STATA DATA AMPIA POSSIBILITA' DI FARLO, MA A VOI PRUDONO MANI, LINGUA E QUANT'ALTRO.MINACCIATE OFFENDETE,NEGATE I FATTI. GRAZIE PERCHE' IL DISPREZZO DI GENTE COME VOI TRE "TE" mi conforta. Vuol dire che siamo sulla strada giusta.

Come al solito certa gente spara insulti quando non ha altro. Ti se mostrato per quello che sei, il nulla. Non avevo letto subito questo post di una voce, altrimenti non gli avrei mai dato credito, vedendo quel che vale.

a noi, a tutti noi va bene esattamente così. Franca ha votato contro l'ampliamento! dopodichè ha evitato una crisi di governo il che a noi sta più che bene. Compreso, entiende, compry! E mo basta avete finito di rifare la stessa domanda? vi é stata data un a risposta accontetavill. UFFA!

Basta! Franca ha votato CONTRO l'ampliamento della base Nato. Andate a guardarvi il video del suo intervento in Senato.

RIguardatevi il video

If you want to sing out sing out

Franca, sono d'accordissimo con te!!! VIA I PUZZONIIIIIIIIIIIII

Credo che anche una denuncia al garante della privacy sia opportuna.
La ripresa era chiaramente rubata in una situazione privata.
Non è forse reato?

Certo, una denuncia al garante della privacy mi sembra il minimo.

...mi permetti di fare un colossale copia e incolla del tuo POST...ISSIMO in tutti i blog possibili?
Soprattutto in quello di Travaglio dove hanno aperto dei GRANDIOSI topic su di TE!.
Attendo autorizzazione a...procedere!!!
Un abbraccione. Bruna

Cara Bruna, spero con tutto il cuore che Franca ti dia "l'autorizzazione a procedere".
Solo smascherando le falsità e le ipocrisie possiamo sperare di cambiare.

....ABBASSO I PUZZONI E VIA GLI SPIONI DALLE TELEVISIONI!!!
:)P.S. Noi del SUD usiamo espressioni molto ma molto più colorite di fronte a certi bugiardi matricolati impuniti,(avreste dovuto sentire la mia mamma, una tranquilla, vecchia signora di 72 anni!)invece la GRANDE, MITICA FRANCA, "vecchia signora con la congiuntivite"(Franca dixit) si è limitata ad "andarci di striscio"...
Un abbraccione. Bruna

ma certo! e grazie. per franca che non può leggere

La mia denuncia.

Se, come mi auguro, vi state chiedendo perché siamo al 75° posto nel mondo per libertà di stampa, credo che avrete una risposta visionando l’edizione delle 18.00 di Studio Aperto di ieri 18 febbraio.
Spero che abbiate gli strumenti e la volontà per sanzionare i responsabili di un giornalismo che contraddice i più elementari principi deontologici e danneggia l‘intero Paese.
Una vostra posizione in tal senso sarebbe il segno che avete la volontà di mettere fine ad una deriva indegna della nostra civiltà.

-Volevo dirti… no, aspetta! sento UNA VOCE!
-Tranquillo, non è NESSUNO…
-OK, Allora posso dirtelo… secondo me, da queste parti ci sono dei COGLIONI che criticano senza un motivo.
-Ti riferisci a ROGER e agli altri BUGIARDI?
-Proprio a loro. Mi chiedo perché non vengono bannati…
-Semplicemente perché qui non esiste censura, sai, la libertà di opinione…
-Capisco… ma per esprimere la propria opinione, in teoria se ne dovrebbe avere una!
-Ma loro ne hanno una… una sola, uguale per ogni argomento… e continuano a ripeterla ogni giorno, più volte al giorno…
-Perché?
-Altrimenti se la dimenticano…
-Ma quale sarebbe quest’opinione?
-E’ semplice…loro hanno ragione e gli altri torto. Se tu dici che il cielo è azzurro, loro dicono che è rosso… o viceversa
-Quindi non hanno mai visto un tramonto o un alba?
-Probabilmente no… non sanno che il cielo può avere più colori.
-Ma perché non li si invita a discuterne assieme?
-Si è provato… ma deve esserci qualche interferenza… Se provi a parlare di pace, loro ti rispondono di non andare a votare, se gli chiedi cosa hanno fatto oggi, loro ti rispondono che non sono andati a votare…
-Quindi, se l’unica cosa che fanno ogni giorno è non andare a votare, cosa fanno tutto il giorno?
-Nulla… infestano ogni luogo che frequentano fino a farsi cacciare, imperterriti, fino a che non li avranno cacciati da tutti i luoghi, da tutti i giornali e pure da tutti i bar che frequentavano. Fra un po’ non potranno più prendere neppure l’autobus.
-Ora capisco… deve essere veramente triste non aver nessuno da frequentare…
-Si, in effetti è triste. Ma loro hanno trovato un modo… hanno deciso di farsi compagnia da soli, sdoppiandosi e triplicandosi, così rileggendo una cosa che hai scritto da solo, ti sembra di aver dialogato con qualcuno!

Perfetta la tua analisi su te stesso/a... è semplicemente PERFETTA.... quando sentirai il bisogno di vedere i colori delle albe o dei tramonti o più semplicemente vedere, conoscere il mondo e i suoi colori, quelli dell'anima, della purezza, della limpidezza, quando veramente non vorrai più ODIARE chi non la pensa come te, quando avrai bisogno di comprendere che oltre alla tua visione esiste un pensiero altrettanto nobile del tuo , bene allora se vorrai sarò lieto di accompagnarti in questo viaggio, ti aiuterò a comprendere che spesso la pace nasce dall'accettare la diversità altrui, ma scoprirai anche che i tuoi valori, sicuramente i miei vanno difesi SEMPRE e a qualsiasi costo, ecco perchè esistono gli eserciti, sono sempre esistiti e purtroppo per colpa nostra (mia e tua) esisteranno ancora per molto. Ringrazia il cielo di vivere nel nostro mondo dove oltre 60 milioni di morti ti hanno garantito la possibilità di esprimere le tue opinioni... in molte altre parti del mondo (che io ho visto e tu?) questo non ti è ancora concesso.... pensaghe vecio!!!

Troppo uniformati per essere 2 persone. Di certo non ha problemi di solitudine. In fondo ammiro gli schizzofrenici

In realtà non volevo offendere. Ho scirtto un post che, secondo me, sdrammatizzava la situazione attuale del blog... probabilmente non ci son riuscito. MI piacerebbe conoscerti. Da quel che ho capito, sei del nord Italia... se a te va, ti vengo a trovare. la mia mail è nuove_forme@hotmail.com, mi piacerebbe un tuo invito.

FIRMATO: Simone Bottinelli, abito in provincia di Como, chiamato da tutti Vir, maschio, 28 anni, non ho titoli di studio, non ho girato il mondo, vivo in un paese in cui c'è parecchia libertà grazie a migliaia di anni di guerre, ma che crede che senza guerre avremmo ottenuto queste libertà in pochi secoli.

L'Adorante ha proprio ragione: "il cielo è blu...a volte".
L'Adorante ha ragione quando dice che la libertà d'espressione si è conquistata con lotte e morti (non coi fiori ed il pacifismo).
L'Adoratore non vorrebbe postati che manifestino contrasti stridenti verso ogni forma scritta (e adorante) di leccaculismo sciocco.
Che dire? Vorrebbero ghettizzare chi posta le contraddizioni della Senatora ma, poveretti, non possono.
Come dice Travaglio nella copertina dell'ultimo suo libro : "si prega ai fatti di non interferire con le opinioni: (disturbano).
Va bene Adoratore, dimentichiamo pure come la Senatora si esprime in Senato (votando) anche se, a ben pensarci, è quello in vero e potente strumento che il Tutor le ha posto in mano (non certo il popolo).
Il resto dei tuoi poveri ragionamenti appartengono alla prassi adoratoria consolidata, veramente poca cosa.
Lo vedremo a marzo in Senato il tuo Idolo. Ci sarà proprio da ridere.
Sogni d'oro babbeo.

Postato per cervelli non Adoranti.

Opinioni libere di Una Voce.

P.S. Se vi dovesse nascere qualche dubbio, collegatevi al sito del Parlamento Italiano - Senato. Suggerimento a menti non Adoranti.

Se metti un link completo, sono sicuro che andremmo a vederlo anche noi adoranti

La Provincia è il quotidiano più letto dai Comaschi… da buon quotidiano ha riportato “FEDE-MENTE” della manifestazione antiamericana e a favore dei brigatisti svoltasi Vicenza. Oggi, per approfondire, ha riportato l’intervista di Franca Rame (o Anna Rame…sorry!) rilasciata di sua spontanea volontà al videofonino di Studio Aperto. Chi volesse far dei complimenti può mandare una mail a lettere@laprovincia.it
P.S. Ho forse esagerato, ma leggendo La Provincia tutti i giorni, ho imparato che le notizie si danno in questo modo

E giro il post.
Ciao Franca.

Sarebbe davvero una gran cosa, se il nostro capo del governo ci recapitasse una lettera così. Invece il giorno dopo la grande manifestazione di Vicenza erano già in tv a rilanciare con Padoa Schioppa l'alta velocità che, "statene certi, partirà entro settembre altrimenti restiamo fuori dai grandi traffici internazionali..."
Forza Franca, non demordere!
Marco Boschini

Cari cittadini di Vicenza,
(e cari tutti voi altri venuti a esprimere solidarietà e sostegno da così tante parti d’Italia) grazie per la bella manifestazione di ieri, pacifica e colorata quanto determinata e coerente.

Siamo così abituati a dar tutto per scontato, qui a Roma, e a governare per compartimenti stagni, che proprio non ci riuscivo a mettere a fuoco il nesso che lega quattro nodi insieme intorno al raddoppio del Dal Molin: la guerra, l’inquinanamento, lo sviluppo, la partecipazione.

Pensavo si potesse liquidare la cosa come la ratifica di una scelta obbligata, per via delle alleanze internazionali, o come una questione di semplice urbanistica, tutt’al più un problema di referendum locale.

Invece ieri, di colpo, ho aperto gli occhi. Cioè, me li avete aperti voi. E ho capito il legame perverso che tiene stretti il PIL, gli aerei americani ebbri di bombe a grappolo, le colate di cemento e infrastrutture nei territori, il corto circuito della democrazia che vi ha portato in piazza.

E’ questo modello di sviluppo che non sta in piedi, e non funziona. E’ questo Paese che stavamo distruggendo giorno per giorno svendendolo a palazzinari, guerrafondai, inquinatori senza scrupoli.

Credevo si potesse governare aggiustando il tiro e non la rotta, rispetto ai nostri predecessori. Ma mi sbagliavo. E’ necessario fermarsi, scendere, e ripartire. Per un’altra strada e un’altra meta. Condivise, partecipate, sostenibili.

Per questo domani mattina convocherò una riunione straordinaria del Consiglio dei Ministri per comunicare la mia decisione di non concedere all’esercito americano l’autorizzazione all’allargamento della base di Vicenza.

Il Presidente del Consiglio
Romano Prodi
www.marcoboschini.it

La rinnascita di questa nazione passa necessariamente attraverso una giustizia vera. Non una giustizia di classe. Le persone condannate in via definitiva, presenti in parlamento ed qualunque carica pubblica sono nostri nemici. Chiedo a tutti voi del blog di studiare un'azione legale di massa nei loro confronti. Non possiamo sopportare oltre. La piazza sembra l'unica maniera di far sentire la nostra voce. Ci serve l'azione di un legale che studi una via per fare pagare ai criminali funzionari i loro misfatti.

Accattone

Brava Franca! L'epiteto era sicuramente strameritato.
Purtroppo ha ragione Beppe: questa storia della destra e della sinistra non ha più alcun senso, è solo fumo negli occhi per nascondere il fatto che a entrambi gli schieramenti sta bene lo status quo. A me, comunque, non mi beccano più: mi sono lasciato convincere alle ultime elezioni, in extremis, dal terrore di amici e conoscenti. Ma dalle prossime elezioni non mi vedranno più, a meno che non ci sia una novità vera e importante nel panorama politico italiano. Magari perdente, ma non complice!
Max

C'è una strada caro Max, si chiama autonomia ma finchè destra e sinistra continueranno ad essere alleati in un'italia "unita ed indivisibile" la tavola imbandita alla quale appartiene pure la senatora Rame fa troppo gola... Bepi Segato, morto per le sue idee aveva tracciato il cammino... i partiti (in primis la Lega Nord quelli che oggi sbavano per le autonomie) hanno sbarrato la strada, non ci sarà mai democrazia in un paese che chiude le bocche da nord a sud noi non siamo cittadini ma sudditi di un'alleanza monarco-mafiosa che ha distrutto una nazione che non è mai esistita... prima di tutto la nostra libertà...paroni a casa nostra

Seguite quest' uomo... se non bluffa, è quello che voi e io stiamo cercando.

EH SI! proprio un'altro da mantenere a 16.000 euro al mese... dai che alle prossime elezioni ce la fai VOTA FERRANTE VOTA FERRANTE VOTA FERRANTE

Mi piace il tuo sarcasmo.
Ma in toto pensi all' america che ci ha salvato da Hitler, peccato che in italia ci abbia "salvato" da Mussolini. E tra virgolette, perchè nella zona romagna gli americani sono venuti 3-4gg dopo la fuga dei nazifascisti (un unico agglomerato perchè fuggiti assieme). Già da allora gli americani amavano bombardare indiscriminatamente. Amali i tuoi salvatori, io invece ringrazio i nostri nonni e la coalizione per intero. non per nulla i russi presero berlino impedendo ad Hitler di finire l' atomica.

Mi confondo sempre i nomi. il fondatore del PCL non è Ferrante ma MARCO FERRANDO. Sperando che le parole non siano come quelle di tanti altri politici, le idee osno buone. Non per nulla nella sua prima uscita pubblica, niente di personale di Piroso, il giorno dopo i media hanno stravolto completamente. Personaggio scomodo?

Mi dispiace contraddire la Senatora.
La base si Vicenza non è per l'italia una servitù Usa.
La base di Vicenza è Italiana, concessa in uso agli Usa.
La cosa, quindi, è sostanzialmente diversa da quella che qualche parlamentare ci vuol far credere.
Il raddoppiamento si farà, punto.
Essendo l'Italia una Nazione militarmente irrilevante per forza, strutture, armamenti ecc, è meglio delegare la nostra protezione alla Nato.
L'ho già espresso che i popoli del mondo militarmente forti, tendono a sottomettere i più deboli. Quindi è meglio rientrare in logiche realistiche e farsi proteggere da chi può.
Il resto sono utopistiche favole pacifiste.
Quando lorsignori (i pacifisti) riusciranno a rifare l'indole umana, allora ne riparleremo. Ora la realtà è dura e cruda.
Tutto ciò è stato postato per nuovi utenti, oppure per ospiti collegati; gli Adoranti non fanno testo.

Postato per cervelli non adoranti.

Opinioni libere di Una Voce.

Come hai giustamente detto, la concessione all' america per la base è stata data molto tempo addietro.
Ma la base si espande su territorio italiano, perciò il tuo discorso non fila. e poi fare uno sforzettino per cambiare l' indole umana? Nel tuo sistema non si vede nessuno sforzo, anzi sembra che sei contento delle guerre che si stanno facendo. Non è che anche tu sei stato uno degli scommettitori sul numero di morti in Ruanda e Somalia? E' bello vedere la gente come te che quando ha la pancia piena, gli altri possono anche tutti morire. Una curiosità, vai a messa tutte le domeniche?

Perdona l'intromissione, ma vorrei ricordarti che i morti in Ruanda sono stati creati da una "pacifica" concezione francofona, in cui in pieno dispregio delle culture etniche, hanno mescolato etnie storicamente ed arcaicamente in contrasto tra di loro, salvo poi dare loro al libertà di scannarsi tranquillamente, ora permettimi TRE considerazioni:

1- Non ti sembra sospetta tutta questa "voglia" di pace della Francia nella guerra all'IraQ?
2- Gli Hutu e i Tutsi si sono ammazzati tra di loro e oltretutto a gratis (almeno dal nostro punto di vista)
3-Chi è andato alla fine a "sistemare" (nota le virgolette) le cose? I pacifisti come te o i militari con le armi?

Per la Somalia il problema è "leggermente" diverso in ogni caso Tu+Casarini+Agnoletto+Caruso+Diliberto+Izzo +FO/Rame potreste armarvi delle vostre bellissime e coloratissime bandiere della pace ed andare da quelle parti a "pacificare"...vi garantisco che UN risultato lo ottereste magari diverso da quello che puoi pensare però...perchè non tentare? guarda sono sicurissimo che molti ma proprio molti vicentini si tasserebbero per pagarvi il viaggio.
Ah per la cronaca io NON vado MAI a messa

Ruanda = unica miniera di materiale leggermente radioattivo con cui fanno le pile al litio... 3 fazioni, che sistematicamente, a riciclo, conquistano la miniera. Peccato della tua ignoranza, informati. in ruanda non c'è nulla a posto, i morti per il minerale continuano

Scusa caro "una voce",
ma non mi sembra un discorso molto propositivo.
Se in passato avessimo accettato la realtà nuda e cruda adesso marceremmo tutti belli belli con una svastica al braccio.
Non credi?
Luther B

Infatti come BEN NOTO i movimenti pacifisti hanno sconfitto Hitler e i loro alleati americani....sigh!!

allora, ti risponderò anche se non mi ero rivolto a te.

Io non mi reputo un pacifista ( poi bisognerebbe vedere cosa intendi tu per pacifista).
Fino a prova contraria in Italia ci sono state persone che hanno sacrificato tutto per la loro libertà ( sia essa di espressione,religione etc..);
Senza i partigiani ( di qualunque colore intendiamoci) , senza le madri cilene, senza persone come Libero Grassi noi magari non ci staremmo godendo la libertà di cui godiamo ora.

Luther B

Tipico espediente dell'informazione di cui ho postato in precedenza:
Metterti in bocca cose che non hai detto, tanto nel grosso calderone poi si mischia tutto....c'è un certo Mininapoleone che ha fatto di quest'espediente un arte...